Travolta sulla Sarzanese, perde la vita la segretaria del giudice Boragine

0

CAPEZZANO PIANORE – ( di Letizia Tassinari ) – Un impatto mortale, alle 6.40 di questa mattina. La donna, Diana Scardaoni, collaboratrice alla segreteria penale del giudice Gerardo Boragine, stava attraversando la via Sarzanese, nei pressi della Dogana, per raggiungere delle colleghe e recarsi sul posto di lavoro al Tribunale di Lucca, quando è stata presa in pieno da una Peugeot, condotta da un 34enne di Massarosa, D.M. le sue iniziali, e in marcia in direzione di Pietrasanta. Centrata in pieno col cofano dell’auto, sbattendo la testa, e trascinata per circa 20 metri, la 60enne ha perso conoscenza, e nonostante la folle corsa in codice rosso al Pronto Soccorso del “Versilia” è morta poco dopo. A nulla sono valsi i disperati tentativi di rianimarla. Il giovane che era alla guida della Peuegeot, e pure due colleghe della vittima, hanno accusato un malore e sono stati trasportati in Ospedale sotto choc. Sul posto, per i rilievi, sono intervenuti gli agenti della Polizia Municipale di Camaiore.

diana scardaoniOriginaria di Roma Diana Scardaoni aveva abitato a Pietrasanta, poi si era trasferita a Capezzano. Sposata con due figlie, aveva lavorato per 30 anni negli uffici del Giudice di Pace di Pietrasanta, poi al Tribunale di Viareggio e ora a Palazzo di Giustizia di Lucca. Un dramma, quello avvenuto all’alba, sotto una pioggia battente e in una via poco illuminata, che ha scosso tutto il mondo giudiziario: colleghi, Camera Penale, avvocati, magistrati, pubblici ministeri, appresa la notizia, si sono stretti attorno alla famiglia per la perdita di una persona che per anni ha lavorato con dedizione e passione al loro fianco. Ed è proprio il presidente della Camera Penale, avvocato Riccardo Carloni, a esprimere il cordoglio per la scomparsa di Diana Scardaoni: “Da questa mattina ricevo continue telefonate degli avvocati che mi informano della tragedia avvenuta e mi sollecitano un intervento della Camera Penale, per esprimere il nostro cordoglio per la penosa morte di Diana Scardaoni. I colleghi penalisti ne hanno sempre apprezzato la disponibilità, la cortesia, l’affettuosa simpatia dell’esercizio delle sue funzioni. A lei sono legati da anni di lavoro, in particolare, gli avvocati penalisti della Versilia, avendo Diana lavorato per anni prima presso la Pretura di Pietrasanta, poi nella cancelleria penale della sezione distaccata di Viareggio. La tragicità dell’evento ha scosso e commosso tutti noi, che fino a ieri lavoravamo insieme a Diana. Per piacere, vogliate porgere a tutti i Vostri colleghi ed, in special modo, agli impiegati della cancelleria penale il più commosso ed affettuoso abbraccio degli avvocati penalisti”.

No comments

*