Una piazza dello spaccio attiva giorno e notte: blitz dell’Arma e pusher in manette

CAMAIORE – Non si ferma l’attività condotta dai Carabinieri della Stazione di Camaiore al fine di contrastare e reprimere lo spaccio di sostanze stupefacenti che interessa alcune aree del Comune

unnamedIn particolare i militari nel corso delle ultime settimane hanno monitorato con attenzione un’area boschiva che sorge nei pressi di via delle Capanne ove erano stati segnalati strani movimenti ed un’assidua presenza di cittadini extracomunitari. Effettivamente i Carabinieri sin da subito riscontravano che in tale zona era stata allestita una piazza di spaccio notevolmente frequentata ad ogni ora del giorno e della notte.
Proprio grazie a tale attività di monitoraggio i Carabinieri della Stazione di Camaiore durante la notte appena trascorsa sono riusciti a trarre in arresto in flagranza di reato Aziz Saddin, nato in Marocco classe 1989, in Italia senza fissa dimora, nullafacente, pregiudicato, Hicham Errifaiy nato in Marocco classe 1991, in Italia senza fissa dimora, nullafacente, incensurato; poiché ritenuti responsabili del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. I militari durante la serata di ieri si disponevano all’interno dell’area boschiva sfruttando proprio l’assenza di illuminazione che caratterizza la zona e che favorisce l’attività di spaccio. Alle ore 22:00 circa scattava quindi l’intervento dei Carabinieri che dopo aver assistito all’ennesima cessione di stupefacente uscivano dai loro nascondigli dirigendosi verso i cittadini stranieri. Iniziava quindi un rocambolesco inseguimento tra la fitta vegetazione ma per i 2 cittadini marocchini non vi era alcuna possibilità di fuga in quanto l’intera area era stata circondata dai militari operanti che in pochi minuti riuscivano a raggiungere e bloccare i due fuggitivi che venivano quindi condotti in caserma e a seguito di perquisizione sono stati trovati in possesso di 11 dosi di cocaina, del peso complessivo di oltre 7 grammi, e di 350 euro in contanti, verosimilmente provento dell’attività di spaccio. Terminate le formalità di rito gli arrestati sono stati trattenuti presso le camere di sicurezza in attesa dell’udienza di convalida di questa mattina presso il Tribunale di Lucca dove il giudice ha disposto che attendano il processo ristretti in una cella del carcere San Giogio di Lucca.

Nell’ambito dei medesimi controlli eseguiti dai Carabinieri della Stazione di Camaiore già lo scorso 18 agosto, durante la nottata, era stato arrestato in flagranza di reato nella zona di via Dietromonte Imad Yemlahi, nato in Marocco classe 1992, pizzaiolo, in possesso di permesso di soggiorno, incensurato, poiché trovato in possesso di oltre 25 grammi di sostanza stupefacente tipo hashish.
Inoltre in data 23 agosto, sempre nel corso della nottata, nella medesima zona di via delle Capanne, gli stessi Carabinieri della Stazione di Camaiore hanno tratto in arresto in flagranza di reato  Said Esseddyqy, nato in Marocco classe 1987, residente in Provincia di Pistoia, disoccupato, in possesso di permesso di soggiorno, pregiudicato, poiché sorpreso in possesso di 10 grammi di sostanza stupefacente tipo cocaina, suddivisa in 10 dosi, e della somma in contanti di euro 575,00, verosimilmente provento dell’attività di spaccio.

Lascia un commento