Una tomba a Massarosa per Aicha Bellamoudden, lo chiedono i fratelli

0

MASSAROSA – Una tomba a Massarosa, dove vivono il fratello e la sorella di Aicha Bellamoudden, la donna marocchina di 56 anni scomparsa insieme ad altre cinque persone nel crollo della palazzina di Arnasco, in provincia di Savona. L’intenzione da parte dei familiari sarebbe quella di portare la salma della defunta, assieme a quella del marito 76enne, Dino Andrei, nella cittadina dell’interland della Versilia.

Il crollo dell’edificio a tre piani, era stato preceduto da un’esplosione, per una fuga di gas. “Quello che è avvenuto con la mancata benedizione a mia sorella e che nel corso della funzione religiosa il suo nome non sia stato pronunciato dal parroco, don Angelo Chizzolini ci ha addolorato – dicono il fratello Moustapha e la sorella Meryan -. In un momento triste come questo non è stato facile subire questa umiliazione, è stato uno spiacevole episodio. Abbiamo apprezzato comunque la solidarietà nei nostri confronti, sia da parte della popolazione di Arnasco, che delle autorità presenti al funerale. Noi siamo per l’integrazione e la pace fra i popoli”.

 

No comments