Usi Civici: il sindaco Riccardo Tarabella, commissario pro tempore dell’Asbuc Montagna di Seravezza, convoca l’assemblea dei frazionisti

SERAVEZZA – Con la definitiva decadenza del Consiglio di Amministrazione dell’Asbuc Montagna di Seravezza, in virtù della mancata sostituzione dei membri dimissionari, il 10 aprile scorso il Comune di Seravezza è subentrato come prevede la legge nella gestione ordinaria delle attività dell’ente. Il sindaco Riccardo Tarabella svolgerà le funzioni di commissario dell’ente fino alla nomina del nuovo Consiglio, che avverrà dopo le elezioni previste nei primi giorni del mese di luglio.

In queste prime settimane di gestione commissariale, il Comune di Seravezza ha avuto modo di confrontarsi sia con la Regione che con i membri dimissionari di Asbuc, dai quali ha acquisito fra l’altro la documentazione e i resoconti di carattere economico-finanziario relativi all’attività svolta in questi anni. C’è stato anche un incontro con l’Unione dei Comuni finalizzato alla gestione delle tempistiche di erogazione di un finanziamento ottenuto da Asbuc dalla Regione Toscana per la ristrutturazione di un fabbricato acquisito alcuni anni fa al demanio civico.
 
Mercoledì 9 maggio a Roma il sindaco Riccardo Tarabella rappresenterà ufficialmente Asbuc nell’udienza presso il Commissario per la liquidazione degli usi civici. Nell’occasione saranno presenti anche il vicesindaco Valentina Salvatori in rappresentanza del Comune e i delegati di Henraux e Regione con i rispettivi legali. Al giudice le parti riferiranno in merito ai recenti sviluppi della vicenda, dopo il parere contrario espresso dai frazionisti sull’ipotesi di accordo transattivo e le conseguenti dimissioni del Consiglio Asbuc. In qualità di rappresentante solo temporaneo dell’organismo decaduto, il sindaco chiederà al Commissario un rinvio dell’udienza per far sì che possa essere la nuova Asbuc, dopo le elezioni di luglio, a rappresentare la posizione dei frazionisti in merito all’accordo. L’occasione sarà in ogni caso utile per capire il punto di vista del Commissario e i suoi orientamenti sugli sviluppi della causa.
 
Il sindaco, che nel frattempo ha dato disposizione agli uffici comunali di analizzare la documentazione ricevuta dal Consiglio Asbuc dimissionario, ha deciso di convocare i frazionisti per un incontro che servirà a fare il punto della situazione, ad analizzare le risultanze dell’udienza di mercoledì a Roma e a discutere i vari temi sul tappeto, anche in previsione dell’obbligo di predisporre i bilanci consuntivo 2017 e preventivo 2018 dell’Asbuc. L’assemblea si terrà lunedì 14 maggio presso la Pubblica Assistenza di Giustagnana con inizio alle ore 20 (ore 21 in seconda convocazione).