Versiliana, Forassiepi: “Sindaco e Direttore, visioni divergenti”

0

PIETRASANTA – “Sindaco e Direttore della Versiliana, visioni divergenti”

Lo scrive in una nota il capogruppo del Pd Rossano Forassiepi:

“Leggere sulla stampa il botta e risposta tra il Sindaco e il Direttore artistico della Versiliana è da un lato divertente dall’altro preoccupante. Premesso che probabilmente potrebbero e dovrebbero parlare e condividere le strategie non tramite la stampa ma in prima persona, vista lo storico sodalizio politico amministrativa tra i due, si dimenticano però di dire cose molto sostanziali.

In particolare domani nel Consiglio Comunale sarà deliberato un ulteriore contributo da parte del Comune alla Versiliana di oltre 100mila euro, che si aggiungono ad altri erogati poco più di un mese fa e alla cifra complessiva da convenzione annuale di circa 350mila euro. La fondazione Versiliana, ormai da anni, è diventata o forse purtroppo è sempre stata, un organismo nato per pesare sempre meno sulle casse comunali e vivere di viat propria, invece,  anno dopo anno aumenta il fardello per la collettività. Non voglio stare a dire di chi sono le responsabilità, ne tanto meno addentrami nel giochino infantile di dare la colpa a che ha amministrato fino a due anni fa o darla a chi amministra oggi, la realtà è che le cose sono preoccupanti e che servirebbe una strategia seria e a lungo tempo, che possa cambiare drasticamente rotta rispetto al declino generale a cui purtroppo la Fondazione è avviata. Ci auguriamo che questa stagione possa andare bene in termini di incassi e dunque di risonanza e visibilità, il caffè indubbiamente sembra ospitare politici e personaggi di livello che certamente richiameranno molte persone, meno sembra ad oggi la stagione teatrale, ancor meno sembra sortire effetti positivi l’esperimento del caffè Chantan. Sinceramente mi auguro che alla fine della stagione gli incassi possano essere importanti, non sono certo qua a sperare che le cose vadano male, al contrario sono preoccupato per le sorti di una storia ricca di successi e fondamentale per il nostro turismo e la nostra offerta culturale. Servono nuove forme organizzative, nuove offerte culturali e nuove formule gestionali.

Infine la Fondazione non può continuare a pesare sulle casse comunali circa ad oggi già circa 550 mila euro, non sono più i tempi in cui un comune si possa permettere una simile cifra, pensiamo a quanto potrebbe essere fatto direttamente dal Comune in ambito culturale e artistico con questa cifra. Chiudere la Fondazione ? Non so ma certamente riformarla si”.

 

 

 

No comments

*