Versiliana, rimossi in tempo record 100 alberi caduti nei canali

0

PIETRASANTA – Il Consorzio rende noto il censimento dei danni della calamità e rimuove in una sola settimana circa 300 alberi caduti nei corsi d’acqua. Un terzo di tutti gli alberi abbattuti dal vento sono concentrati nei canali della Versiliana. Al lavoro ditte esterne e personale per sistemare il reticolo prima che inizi a piovere. A Forte dei Marmi già riparato l’impianto elettrico e lo stabile dell’idrovora Fossetto, letteralmente abbattuta dal vento.

Lo stabile dell’impianto idrovoro Fossetto a Forte dei Marmi ribaltato dal vento, trecento alberi e rifiuti ingombranti da rimuovere con interventi puntuali, programmati e in corso, su una cinquantina di canali di bonifica compresi nella sola zona pianeggiante dei comuni di Montignoso, Forte dei Marmi, Pietrasanta e Camaiore. Questi i danni più importanti a carico della rete dei corsi d’acqua e delle opere idrauliche di competenza, censiti dal Consorzio di bonifica Toscana Nord al termine della ricognizione fatta sul territorio flagellato dal maltempo.

Cento, un terzo del totale, sono gli alberi caduti nella sola zona della pineta della Versiliana a Marina di Pietrasanta. “I corsi d’acqua della pineta, divenuta suo malgrado il simbolo della calamità che ci ha colpito, erano irriconoscibili, completamente avvolti da un groviglio inestricabile di alberi – spiega il presidente del Consorzio Ismaele Ridolfi – Nonostante la mole di lavoro, in una sola settimana abbiamo già tolto tutti gli alberi dai canali Tonfano, Tonfano delle bozze, Magnanina e Fiumetto che attraversano la Versiliana, liberando in via preliminare il letto dei fiumi per evitare che i tronchi creino ostruzioni al deflusso dell’acqua”

Una cinquantina invece le piante concentrate fra Motrone e Lido di Camaiore di cui ben dieci grossi pini sono stati rimossi dal letto e sulle sponde del Teso, il canale di acque alte che scorre dietro l’ospedale unico.

L’elenco completo dei canali, degli alberi, dei danneggiamenti, degli interventi già fatti e di quelli da ultimare è contenuto in un lungo verbale di somma urgenza, trasmesso alle province di Massa Carrara e Lucca, informate ognuna per la propria competenza. La somma complessiva anticipata dal Consorzio è di 130.000 per la quale viene chiede il rimborso alla Regione Toscana.

“Nei canali non ci sono solo alberi ma anche tanti rifiuti ingombranti. I nostri operai stanno lavorando ininterrottamente da giorni e insieme a loro sono all’opera anche una serie di ditte di fiducia. – spiega il Presidente del Consorzio, Ismaele Ridolfi – L’obiettivo che ci siamo dati è di ripristinare il reticolo idrografico minore, quello dei canali di bonifica, prima dell’arrivo delle piogge, previste per domenica”

No comments

*