Viareggio Porto, fallimento evitabile? Il legale: “Consegnati al liquidatore 440mila euro”

0

VIAREGGIO – “Sono stato incaricato dall’ingegner Fabiano Frosini di tutelare la sua reputazione ed il suo onore a fronte di notizie apparse sulla stampa non corrispondenti al vero, in relazione a quanto accaduto nel mese di dicembre scorso, con riferimento alla società Viareggio Porto Srl”. E’ il legale, avvocato Enrico Marzaduri, ad inviare alla stampa una nota, che riportiamo integralmente, con la quale, per suo tramite, Frosini precisa alcuni punti: “Con atto del notaio Monaco del 22.9.2014 la società veniva posta in liquidazione, con esercizio provvisorio dell’impresa, finalizzata alla conservazione del patrimonio aziendale. L’indirizzo del socio unico Comune di Viareggio era quello di poterla valorizzare nell’interesse del Comune, avente un debito di € 10’000’000,00 con l’ex socio Ferragamo. In data 5.12.2014 il creditore Dinelli notificava un decreto ingiuntivo provvisoriamente esecutivo che veniva prontamente comunicato alla liquidatrice in pectore, dottoressa Arabella Ventura. Il termine per l’opposizione andava a scadere il successivo 14.1.2015. In data 11.12.2014 veniva nominato il liquidatore Arabella Ventura (formalmente a far data dal 1. 1.2015); la dottoressa Ventura intendeva da subito gestire personalmente la società con i suoi professionisti; in conseguenza, all’ingegner Frosini veniva richiesto di conferire il mandato a difendere la società all’avvocato Paolo Oliva del foro di Pisa, il quale quindi si è occupato di gestire il contenzioso con Dinelli dal 16.12.2014, dopo la necessaria revoca del precedente legale. In data 1.01.2015 Frosini consegnava ad Arabella Ventura la somma liquida di oltre quattrocentoquarantamilaeuro. Tale danaro era più che sufficiente a far fronte al credito Dinelli ed agli altri pagamenti imminenti. La Viareggio Porto Srl poteva, quindi, gestire una liquidazione, in piena sicurezza del patrimonio aziendale. Le circostanze di fatto riferitemi dall’ingegner Frosini, e sopra esposte, risultano documentalmente provate”.

“Sono sollevato nell’apprendere che la Viareggio Porto aveva la liquidità per gestire il contenzioso con Dinelli in piena sicurezza. Un po’ meno nel vedere che i miei dubbi sull’operato del liquidatore incaricato dal commissario Romeo, dottoressa Arabella Ventura, erano fondati – commenta il candidato sindaco di Forza Italia Alessandro Santini -:” Se le cose stanno come dice l’avvocato Enrico Marzaduri, qualcuno ha sicuramente sbagliato e spero che venga al più presto accertata ogni responsabilità. Perché l’ho sempre detto e lo ribadisco: far fallire il porto significa impedire al nuovo sindaco di governare”.

No comments

*