Viareggio Porto, il fallimento è certo: da oggi un nuovo liquidatore

0

VIAREGGIO – ( di Letizia Tassinari ) – Viareggio Porto con un nuovo liquidatore: è dottor Eduardo Falzone, nominato questa mattina dal Commissario Straordinario Valerio Massimo Romeo, a seguito delle dimissioni del liquidatore precedente, dottoressa Arabella Ventura, per impegni regionali. A seguito di soprvvenutenuti impegni regionali, e in virtù del venire meno dell’incarico assegnato per la messa in sicurezza della Viareggio Porto, con un aspetto trasversale di attenzione alla legalità e far emergere i problemi della gestione. La Ventura ha consegnato a Romeo una relazione sulla criticità emerse. Il buco, inteso come debiti societari, è di 4 milioni e mezzo di euro. Le trattative avviate per la vendita si sono interrotte, le aziende viareggine, toscane e fuori regione si sono infatti tirate indietro. Ad oggi la possibilità di vendere è venuta meno, ergo è venuta meno la necessità di manager, quale la Ventura è. Gli input al nuovo liquidatore sono stati trasmesssi: regolarizzare le posizioni pendendti, ossia esisgere i crediti 2015, che altro non sono che i pagamenti da parte dei diportisti ( pagamenti parziali o inesistenti , pari a diverse centinaia di migliaia di euro), poi porre correttivi: una delibera del 2009 prevedeva sconti,  ma la stessa non sarebbe mai stata applicata secondo norma. Gli sconti sarebbero stati applicati in base a Cud, fino a tutto il 2014 nonostante la delibera di Romeo con nuove tariffe e senza sconti. Ora si attendono soggetti economici che offrano un “paracadute” , comprando. Il fallimento della Viareggio Porto è certo, e la probabilità che vada all’asta non è infondata. La speranza è che arrivi qualcuno con un progetto a lungo raggi. Sullo stop alle trattative di vendita ha pesato l’istanza di fallimento. Ci sono urgenze di lavori, vedasi il caso delle banchine, fermi per via di autorizzazioni.   “L’operato della dottoressa Ventura è stato eccelente  – ha precisato Romeo – ed il fallimento della Viareggio Porto non è dipeso assolutamente dalla sua gestione, purtroppo non è stato possibile creare una società con partecipazione mista tra il Comune di Viareggio e la Regione Toscana e trovare acquirenti per l’azienda : l’istanza di fallimento ha fermato qualsiasi iniziativa”. Una società, la Viareggio Porto che a detta della liquidatrice uscente potrebbe fruttare almeno 1 milione e 200 mila euro, cifra questa comunque insufficiente a risanare il debito, frutto di investimenti eccessivi, quali ad esempio gli 800 mila euro investiti per le strutture, i 2 milioni verso il Comune per l’accertamento Imu ed 1 milione e 400 mila verso le banche. E ora la “palla” passa a Falzone: il nuovo liquidatore percorrerà ogni strada possibile per vendere. Perdere il porto per Viarggio sarebbe una nuova batosta.

 

No comments

*