“Vicino ai pescatori”, nell’abbraccio del Vescovo il dolore per la morte di Nello Simonetti

0

VIAREGGIO -( di Letizia Tassinari ) – “Vicino al mondo dei pescatori viareggini. Nel cordoglio, e nella speranza di ritrovare l’altro corpo”. Le parole del Vescovo di Lucca al funerale di Nello Simonetti, il pescatore del Giumar ritrovato nelle acque di Portofino dopo giorni di ricerche a seguito del naufragio avvenuto il 28 ottobre scorso, sono racchiuse anche in quell’abbraccio, e in quella carezza, che finita l’omelia monsignore ha voluto dare ai familiari. Un gesto nel quale sono racchiusi il dolore e il pianto di tutta una città, Viareggio, colpita dalla sciagura in mare e da un grande lutto.  Chiesa gremita, quella del Varignano, per l’ultimo saluto a Nello. Presenti, nella parrocchia della Resurrezione, oltre ai tanti amici anche il comandante della Capitaneria di Porto di Viareggio Davide Oddone, il suo vice Federico Giorgi,  che nella triste vicenda tanto hanno lavorato, sia per ritrovare i corpi, che per recupeare il relitto, la vice sindaco Rossella Martina, l’assessora Sandra Mei e l’assessore Valter Alberici. “Questa tragedia – ha aggiunto il Vescovo – mi ricorda il curatino viareggino, una frate che era vicino ai pescatori e alle loro famiglie, che quando rientravano e non avevano pescato abbastanza li aiutava mettendo a loro disposizione i soldi per mangiare. Nello e Fabrizio facevano della pesca il sostentamento per le loro famiglie, preghiamo affinchè il mare restituisca anche il corpo di Fabrizio. L’auspicio è che il nostro mare sia per un lavoro sicuro e per la vita”. Il corpo del pescatore, morto tragicamente durante una battuta di pesca, sarà cremato. Buon viaggio,Nello. Riposa in pace.

( foto di Iacopo Giannini )

No comments

*