Villa Puccini oggi: l’abbandono

0

VIAREGGIO – La Fondazione Giacomo Puccini entra in possesso della Casa di Giacomo Puccini al Marco Polo alla fine del luglio 2014. Dopo che la proprietà della Villa è stata definitivamente attribuita alla Fondazione Puccini grazie a un atto di transazione stipulato con l’Agenzia del Demanio nell’aprile 2012, a seguito di una sentenza del Tribunale di Firenze che nel 2008 aveva riconosciuto la validità del legato del testamento di Rita Dell’Anna (la nuora di Puccini già donatrice della Casa natale). I primi sopralluoghi hanno messo in evidenza: muri scrostati, infiltrazioni d’acqua e di umidità, serramenti mancanti e non funzionanti, canale completamente colme di terra, pigne e pinugliori, canali di scolo e tombini totalmente ostruiti, molte stanze completamente ostruite da elettrodomestici, da centinaia di vasi e vasetti di colore, da rimasugli di mobilio e da elettrodomestici, pareti disegnate e scritte, pezzi di tende abbandonati, sporcizia disseminata in ogni angolo della casa, una Vespa abbandonata. Lo stato in cui versava la Villa al momento del definitivo passaggio di consegne alla Fondazione è stato opportunamente documentato, fotografato e filmato. In sintesi è possibile affermare che la casa non era stata oggetto da molti anni di manutenzione ordinaria e straordinaria. La Fondazione Giacomo Puccini, svolte le necessarie perizie, le dovute disinfestazioni per la sicurezza dei lavoratori, le verifiche statiche e ottenute le autorizzazioni dagli enti preposti – Comune di Viareggio e Soprintendenza -, con voto unanime del Consiglio e stanziando il budget, ha intrapreso un’azione di pulizia che è in fase di ultimazione. Tutto l’interno è stato svuotato dai rifiuti anche grazie all’attiva collaborazione con la SEA. Finestre e porte sono state rimesse in sicurezza per evitare il rischio di intrusione da parte di estranei. Il giardino è stato ripulito da piante ed arbusti: le canaline di scolo stanno riaffiorando, i camminamenti in mattoncino rosso e le aiuole sono tornate visibili. I lavori stanno continuando per ridare un po’ di quel decoro che l’ultima dimora voluta e pensata da Giacomo Puccini merita.

Nel 1915 Puccini aveva acquistato un terreno a Viareggio, con vista sulla pineta, e qualche anno dopo affidò l’incarico di progettare la villa e la dependance all’architetto Vincenzo Pilotti (Ascoli Piceno 1872-1956), docente all’Università di Pisa, e all’ingegnere Federigo Severini (Pisa 1888-1962).  I lavori andarono avanti per circa due anni, e Puccini poté trasferirvisi alla fine di dicembre del 1921.  La villa, a pianta articolata, è formata da un piano nobile e da un piano seminterrato occupato da vani di servizio e dallo studio del Maestro. La facciata principale, prospiciente via Buonarroti, è connotata da un avancorpo costituito da un portico aperto a veranda con pilastri in pietra e transenne in legno al quale si accede da una scala monumentale a doppia rampa. I prospetti sono qualificati da un paramento in mattoni e pietre ‘a vista’ che incorniciano una serie di porte e finestre architravate e archivoltate a sesto ribassato. I prospetti nord ed est sono ornati, nella fascia di coronamento al sottotetto, da formelle in gres ceramificato a lustro raffiguranti maschere ed elementi decoratori in rilievo. All’interno la distribuzione degli ambienti, corredati originariamente da un moderno impianto di riscaldamento a radiatori, risultava ordinata e funzionale alle esigenze del Maestro: una scaletta interna in legno collegava la camera con lo studio, nel piano seminterrato, ammobiliato da due poltrone ai lati del caminetto e – affidandoci alla descrizione di Guido Marotti, che quella casa frequentava quotidianamente – da “… tavolino col panno verde, il pianoforte Steinway a coda [che oggi è conservato nel Museo casa natale di Lucca], coperto di damasco e da un sacco di cose … tutti i ninnoli che erano a Torre … dallo studio, per una porticina a vetri opachi, si accede al salotto, in cui domina il rosso: un divano angolare coi cuscini rossi e le pareti tappezzate di rosso … mobili di colore scuro, tono antico”. Il giardino, corredato da un sofisticato sistema di pioggia artificiale, doveva costituire nella sua conformazione caratterizzata da alberi ad alto fusto, pini e lecci, un’ideale prosecuzione con la pineta di fronte. Sul lato nord ancora una lapide porta il 7 dicembre 1924: “La comunità di Viareggio promette di costudire consacrati a Giacomo Puccini e casa e bosco che furono reggia e giardino alla splendente regina Turandot”.  Ai bordi della lapide sono istoriati i titoli di Le Villi e di Turandot, inizio e compimento dell’opera di Giacomo Puccini.

La Villa di Giacomo Puccini : alcuni dati
1915 – acquisizione del terreno;
1918 – prima progettazione;
1919 – inizio lavori;
1921 – Giacomo Puccini inizia ad abitarvi;

2008 – Il Tribunale di Firenze riconosce la validità del legato del testamento di Rita Dell’Anna (la nuora di Puccini che aveva donato la Casa natale), in cui si assegna alla Fondazione Puccini la nuda proprietà della Villa.
2012 – definitiva attribuzione alla Fondazione Puccini grazie a un atto di transazione stipulato con l’Agenzia del Demanio nell’aprile 2012;
2014 luglio – la Fondazione recupera il possesso della Casa di Giacomo Puccini.
Prime opere realizzate:
1. messa in sicurezza e pulizia del giardino, ripristino dei camminamenti esterni e sgombero degli annessi;
2. messa in sicurezza, disinfestazione e sgombero dei materiali accumulati nella casa:
 Kg 2.430 materiale indifferenziato
 Kg 3.130 materiale differenziato, così ripartito:
 Kg. 300 plastica
 kg. 600 legno
 kg. 200 vetro
 kg. 30 vernici
 kg. 1.500 ferro
 kg. 500 carta

 

No comments

*