Violazione del regolamento urbanistico, procedimenti a bagno Bertuccelli e hotel Excelsior. Ordinanza per un parco privato al Don Bosco

VIAREGGIO – Avviato il procedimento per la violazione del regolamento edilizio per due immobili della Passeggiata: il bagno Bertuccelli e l’Hotel Excelsior.

L’atto impone ai proprietari l’esecuzione delle opere necessarie per il decoro e la sicurezza. Il procedimento ha preso il via da un sopralluogo della Polizia municipale. Il rapporto datato 13 aprile, parla chiaro: alcune parti di tali immobili non presentano le condizioni di decoro richieste per l’ambiente urbano.

In particolare, per il Bagno Bertuccelli:

Prospetto viale Margherita: le balaustre a protezione della copertura e del terrazzino sono gravemente deteriorate e in parte mancanti di colonnine. Manca una lastra di vetro lungo la parte terminale della copertura lato nord dell’immobile. La vernice risulta sfogliata o comunque con forte variazione cromatica rispetto al resto del fabbricato. Galleria: mancanza totale di intonaco della facciata dell’appartamento.

Per l’hotel Excelsior, invece:

Prospetto viale Carducci: parziale distacco dell’intonaco, distacco della malta cementizia dei capitelli dei terrazzi, variazione cromatica della tinteggiatura della facciata con particolare evidenza sulla cupola lato mare, e nel sotto gronda. Dotto il portico del piano sottotetto risulta mancante una lanterna in metallo lavorato, con presenza di fili scoperti. Prospetto lato piazza Puccini: deterioramento della variazione cromatica della tinteggiatura, distacco della malta dei capitelli del terrazzo, presenza di vegetazione spontanea, ferro e cemento a vista per il distacco delle decorazioni, travi e travicelli con tinteggiatura corrosa dal tempo, avvolgibili danneggiati, teli a protezione stracciati e usurati.

Ordinanza già notificata (ordinanza 20 aprile 2018) invece al proprietario, e rappresentante dei comproprietari, del terreno nel quartiere Don Bosco, compreso fra via Fratti, via Fiume, via Don Bosco e via Udine.

«E’ indispensabile procedere con urgenza alla pulizia dell’area pinetata per eliminare ogni rischio per l’incolumità pubblica – si legge nell’atto –. Considerato che ciò favorisce fenomeni di microcriminalità, attività di spaccio di sostanze stupefacenti, degrado ambientale e igienico sanitario, nonché rischio di incendi con conseguente pericolo per la pubblica incolumità».

 

Entro 30 giorni i proprietari dovranno procedere al taglio di vegetazione infestante e bonifica da rifiuti non biodegradabili. L’area interessata dalle operazioni di sfalcio deve essere adeguatamente perimetrata e posta in sicurezza, nonché sorvegliata, onde evitare incidenti ed infortuni, e inoltre l’intervento dovrà essere attuato da personale specializzato.

 

Qualora i proprietari non ottemperassero a quanto previsto nell’ordinanza, verranno applicate le modalità previste dall’art. 41 Regolamento del Verde Urbano (approvato con Del. C.C. n. 31 del 28/06/2005) e saranno soggetti alle sanzioni da 500 a 5.000 euro.

«Il decoro della città passa anche dal rispetto degli spazi comuni e dei regolamenti in atto – commenta l’assessore Federico Pierucci -. Gli edifici in questione sono importanti e offrono un colpo d’occhio che sarebbe bellissimo qualora fossero riqualificati».

«Stesso discorso, anche se procedure e regolamenti diverse, per il terreno privato che non può diventare ricettacolo di rifiuti e di criminalità. Senza considerare il pericolo di incendi».

«Attenzione e amore per Viareggio – conclude – sono le basi dalle quali partire perché la città sia a posto, più bella e più pulita».

 

 

Si scontra con un’auto e muore

MASSAROSA – Incidente mortale a Piano di Mommio, all’incrocio tra la via Sarzanese e la Sassaia. L’anziano, Bruno Vecoli, 75enne imbianchino di Piano di Mommio, ...