Vuole una casa, “Cecchino” Tureddi si accampa in Comune

0

VIAREGGIO – ( di Letizia Tassinari ) – Protesta, l’ennesima, quella di Francesco Tureddi in Comune. Sfrattato dalla stanza che divideva, in via Fratti, con la sua nuova compagna, si è accampato, piumino e cuscini, sul pavimento dell’atrio del Municipio. Il teste chiave delle donne scomparse, assolto dalla Corte d’Assise, torna alla ribalta delle cronache viareggine. Sono anni che “Cecchino” chiede al Comune casa e lavoro, e per accendere i riflettori sulla sua situazione gli incatenamenti e le minacce di tagliarsi le vene ( l’ultimo episodio, con un bis, risale all’ultimo consiglio comunale :Dopo essersi ferito durante l’Assise, Tureddi ci riprova ), non si contano, da tanti sono stati. Ma dopo l’esposto di un commerciante del centro,  esausto delle molestie di Tureddi ai suoi dipendenti e clienti, oltre che minacce con un collo di bottiglia rotto  ( leggi anche: Tureddi mette a rischio la sicurezza del quartiere e del mio bar), non sarà facile trovare una soluzione.

No comments

*