Yare 2015, un aumento nel portafoglio ordini globale

0

VIAREGGIO – Cinque punti per ricordare l’importanza del nostro paese nella nautica e nel turismo nautico, in particolar modo in quello del settore superyacht. Li ha sottolineati Vincenzo Poerio, presidente YARE in apertura dell’Italian Superyacht Forum – evento di approfondimento molto partecipato con quasi 400 presenze – sullo stato dell’arte dell’industria – svoltosi questa mattina all’hotel UNA di Lido di Camaiore nell’ambito di YARE (Yachting Aftersales & Refit Experience), rassegna internazionale in Italia dedicata al mondo dell’after-sales e del refit del settore super e megayacht, in programma a Viareggio, Lido di Camaiore e Marina di Carrara fino al 6 febbraio 2015. “L’Italia – ha spiegato Poerio – è il paese leader nella costruzione dei superyacht, il 30% della flotta internazionale è italiana, nelle nostre marine abbiamo 3.400 posti barca sopra i 24 mt., il 75% dei charter fatti nel Mediterraneo toccano le coste italiane e, infine, migliaia di ospiti internazionali possono godere delle bellezze del nostro territorio”. Da parte del gruppo editoriale The Super Yacht group, media partner che, ogni anno, fornisce uno studio con dati e cifre del Global Order Book (il totale delle commesse mondiali con relativi cantieri) sono emersi, come di consueto, dati interessanti per il nostro paese. Per la cantieristica dei grandi yacht, lo scorso anno si è rivelato particolarmente complesso in tema di analisi preventive sul portafoglio ordini con un primo semestre problematico e quasi in negativo sulla tenuta degli ordini, mentre la fine d’anno è stata positiva ed ha portato a 412 unità il portafoglio complessivo a livello globale. Il dato relativo alla ripartizione degli ordini è di soddisfazione per l’Italia che guida la classifica con il 38% seguita da Olanda, 15%, Turchia 12%, Uk 6%, Germania, 4%, Taiwan 4%, Cina 3%, Finlandia 2% e ROW (resto del mondo) 16%. La flotta globale degli yacht sopra i 30 mt. nel decennio 2004 – 2014 è passata da 2991 a 5012 unità; gli yacht tra i 30 e i 45 mt. da 1735 a 3023. Nella stessa decade, gli yacht sopra i 45 mt. da 488 sono passati a 944 unità, gli yacht a vela da 752 a 1001. Circa il 53% degli yacht di lunghezza superiore ai 30 metri risultano costruiti dopo il 2000. Solo il 29% della flotta risulta “vecchio” (costruito precedentemente al 1990), mentre nel decennio 1990-2000 il 18% ha visto la consegna. Tali dati indicano quindi che nel decennio 1990-2000 la flotta è più che raddoppiata con un incremento del 120%. Nella top ten dei cantieri che hanno consegnato yacht di lunghezza tra i 30 e i 45 mt. nel corso del 2014, tra i primi 5 figurano cantieri italiani (Azimut-Benetti, San Lorenzo, Custom Line e Italian Sea Group). Sopra 45 mt. troviamo ancora tra i primi 10 Benetti, Overmarine, CRN, Isa e Perini Navi. Lo scorso anno 862 cantieri hanno realizzato almeno uno yacht di lunghezza superiore ai 30 metri nel mondo. Tuttavia di questi solo 275 hanno consegnato yacht negli ultimi 10 anni, di cui ben 54 italiani, confermando una tendenza alla forte selezione dei mercati. Attualmente sono 109 i cantieri che dichiarano almeno un yacht in costruzione; 33 dei quali sono italiani. Particolarmente rilevante di conseguenza l’entità dei grandi yacht prodotti in Italia che vanno a comporre la flotta degli oltre 5000 yacht. Sono 1494 gli yacht costruiti nel nostro Paese, con una lunghezza media pari a oltre 39 metri. Una considerazione a parte meritano i dati che emergono sul Mediterraneo, luogo per i superyacht con una conferma sulla presenza sensibile di imbarcazioni stanziali in quest’area. Il data base di Superyachtintelligence.com dello stesso gruppo editoriale fornisce le indicazioni del porto base (“home port”) della flotta dei grandi yacht. L’analisi sullo scorso anno conferma il dato del 55%, quale percentuale degli yacht che eleggono un porto del Mediterraneo come proprio home port.
Domani Mercoledì 4 febbraio e giovedì 5 febbraio – al Seatec, rassegna dedicata a tecnologia, subfornitura, e design per imbarcazioni, yacht e navi che inaugura domattina a CarraraFiere, i comandanti saranno impegnati, negli incontri singoli faccia a faccia con le imprese (i B2C – Meet the Captain) per partire poi per i tour dei distretti nautici di Pisa, Carrara e La Spezia. A Seatecl’interno del Seatec, sarà presente uno spazio espositivo (Yare Pavillon) con un programma di seminari, convegni e workshop promossi da NAVIGO su temi di interesse per le PMI quali semplificazione, certificazioni, formazione e la presentazione del nuovo Rapporto di Ricerca 2015 di CNA Produzione/Nautica.
YARE è organizzato e promosso da NAVIGO, centro servizi per l’innovazione e lo sviluppo della nautica toscana ed evento promosso da PENTA, Polo per l’eccellenza nautica toscana rivolto all’innovazione e alle tecnologie del mare, con il supporto del Comitato promotore composto da Comune di Viareggio, Provincia di Lucca, Camera di Commercio di Lucca, Assindustria Lucca, CNA Lucca e Confartigianato Lucca, con il supporto di Toscana Promozione e Regione Toscana.

Ciro Costagliola

No comments

*

CarnevalFortemarmino, lavori in corso

FORTE DEI MARMI – Lavori in corso per la preparazione del CarnevalFortebambino, che verrà riproposto grazie all’impegno dell’assessorato alla pubblica istruzione e coinvolgerà ancora una ...