Zona mercato nel degrado: la protesta dei commercianti del Piazzone

VIAREGGIO – Un gruppo di commercianti di Viareggio, in particolar modo della zona del mercato, in maniera autonoma, apolitica e decisa chiede di far sentire la propria voce in merito alla riqualifica della città e alla lotta al degrado, sostenendo che ciò può iniziare solamente dalla valorizzazione di quello che la città può offrire. Di seguito la lettera inviata alla nostra redazione.
La piazza del mercato è un esempio di una delle zone più affascinanti che in questi ultimi anni ha sofferto la mancanza di progettualità. Una struttura liberty completamente e volutamente lasciata all’abbandono, fatiscente ma che nonostante stia attraversando uno dei periodi peggiori della sua esistenza, riesce ancora ad essere meravigliosa tanto da togliere il fiato. La nostra mente va ai mercati di ogni parte del mondo, valorizzati dalla moltitudine di prodotti locali ed etnici che convivono in una simbiosi di colori, sapori e aromi suggestivi. Luoghi come Madrid, Barcellona ma anche la stessa Torino, dove il mercato multietnico è ancora ad oggi uno dei punti più visitati del capoluogo piemontese o il meraviglioso mercato centrale di Firenze che dal 2014 grazie ad un progetto di riqualifica, restituisce alla città uno dei suoi angoli più significativi. Attrazioni che richiamano migliaia di persone per la semplice bellezza del contesto in cui sono situati. Allora perché non pretendere anche questo per la nostra Viareggio? La proposta che ci sentiamo di fare con questa lettera è quella di riappropriarci degli spazi comuni per rendere sicuro e accogliente questo splendido luogo. Ad esempio, sarebbe interessante creare delle zone di visibilità, contribuendo a migliorare il decoro del territorio ed incentivare momenti di socializzazione. Noi contribuiremo a dare vita al centro città, dove con convinzione abbiamo investito, restando aperti negli orari serali, permettendo così ai cittadini ed ai turisti di vivere con tranquillità questa bellissima piazza. Da parte dell’ amministrazione comunale, c’è la volontà di collaborare con noi? 
Monica Federici, in rappresentanza del gruppo di commercianti che aderiscono all’iniziativa.