Enolia 2018: un lungo week-end da vivere gustosamente

SERAVEZZA – Enolia 2018: un lungo week-end da vivere gustosamente

Cinquanta cultivar in lizza per l’Enolia Oil Award, ventitré produttori in rassegna al Villaggio del Vino, sei show cooking con chef stellati, un convegno sull’Olivo Quercetano, l’anteprima del nuovo formaggio Brandan, Premio Enolia all’eretico Paolo Paris… Sabato 28 e domenica 29 aprile a Seravezza sfilano le eccellenze del territorio .

Primavera di gusto in Versilia con ENOLIA, la rassegna dell’enogastronomia d’eccellenza in programma sabato 28 e domenica 29 aprile a Palazzo Mediceo di Seravezza, patrimonio UNESCO. Al suo diciannovesimo anno, la manifestazione ideata e diretta da Gabriele Ghirlanda si arricchisce di nuovi percorsi di scoperta (e riscoperta) dell’olio di qualità e dei prodotti del territorio. Un’immersione nei sapori, nei sentori e nei colori che fanno grande l’Italia a tavola. Un incontro ravvicinato con gli oli, i vini, i prodotti tipici del nostro Paese. Un faccia a faccia con produttori, chef, giornalisti e personaggi noti al grande pubblico per un viaggio lungo le mille traiettorie del buon cibo. Tutto questo è Enolia, in uno degli scenari più ricchi di fascino della Versilia: l’austero palazzo che il Granduca di Toscana Cosimo I de’ Medici volle per sé e per la sua famiglia nella terra del marmo e di Michelangelo. L’evento è patrocinato dal Comune di Seravezza e sostenuto dalla Fondazione Terre Medicee. Taglio ufficiale del nastro sabato 28 aprile alle ore 16:00.

Tutti i dettagli sulla rassegna:

OLI IN DEGUSTAZIONE ED ENOLIA OIL AWARD

La rassegna degli extravergine a Palazzo è il cuore stesso di Enolia. Quest’anno saranno una ventina i produttori presenti, selezionati secondo un rigido controllo di qualità, per un totale di circa cinquanta oli in rassegna, tutti in lizza per l’ambito Enolia Oil Award, giunto alla seconda edizione. Il Pemio verrà assegnato per tre categorie di prodotto – fruttato intenso, fruttato medio e fruttato leggero – a seguito di un’attenta valutazione da parte di un panel di esperti nominato direttamente dalla Camera di Commercio di Lucca, a garanzia dell’importanza e della serietà del riconoscimento. La proclamazione del vincitore dell’Enolia Oil Award 2018 sarà domenica alle ore 15:00.

Ecco i nomi delle aziende partecipanti: Frantoio Mazzarrini (Sinalunga, Siena), Susanna & Atria Esposito (Bibbona, Livorno), Frantoio Massarosa (Lucca), Fattoria Ceragioli S. Maria (Albiano, Lucca), Tenuta Mariani (Bozzano, Lucca), Angela Nelli (Arsina, Lucca), Coop Millefiori (Camaiore, Lucca), Frantoio Moro (Fosdinovo, Massa), Colle del Sole (Massarosa, Lucca), Antico frantoio Doglia (Impruneta, Firenze), Soc agricola Poggio Carlo (Scansano, Grosseto), Agricola il Goccio (Capannori, Lucca), Ass olivicoltori Elatria (Montignoso, Massa), Az agricola il cavallino (Bibbona, Livorno), La chiusa di Nanni (Segromigno in Monte, Lucca), Az Agricola Valdilama (Pontedera, Pisa), Az Belvedere (Filattiera, Massa), Coop Agr La Mulattiera (Seravezza, Lucca), Az agr Hortulanus (Seggiano, Grosseto), Tenuta Mareli (Camaiore, Lucca), Agr Il Mandorlo (Firenze).

All’interno di Palazzo Mediceo, domenica mattina a partire dalle 11:45, sarà attiva La scuola dell’olio: minicorsi per imparare a degustare l’olio d’oliva.

 

OCCHI PUNTATI SULL’OLIVO QUERCETANO

Uno dei momenti centrali di Enolia 2018 sarà il convegno (domenica ore 10:15) dal titolo “L’olivo quercetano presidio slow food: biodiversità, tutela e gastronomia”: un incontro e un confronto tra esperti per parlare della cultivar tipica della Versilia e delle politiche di tutela e valorizzazione. Il punto di partenza è rappresentato dal recente riconoscimento di Presidio Slow Food. Il quercetano è la prima varietà di olivo italiano a potersi fregiare di tale qualifica e ciò può offrire indubbi benefici in termini di visibilità e promozione anche a livello internazionale. Il convegno toccherà anche il tema della gastronomia, alla scoperta dei piatti e delle specialità che l’olio d’oliva quercetano caratterizza ed arricchisce in virtù delle proprie qualità aromatiche. Interverranno nell’occasione Francesca Baldereschi, responsabile del progetto Presìdi Slow Food in Italia, Lamberto Tosi, fiduciario condotta Slow Food Terre Medicee e Apuane e referente dei produttori del Presidio, Raffaello Raffaelli, presidente dell’Associazione Elaia, Ruggero Petacchi, ricercatore presso la Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, Angelo Di Nello, chef dell’Istituto alberghiero “Giuseppe Minuto” di Marina di Massa, ed Eleonora Navari, chef dell’Istituto alberghiero “Guglielmo Marconi” di Seravezza.

IL PREMIO ENOLIA 2018 A PAOLO PARISI

Svelato il nome del vincitore del Premio Enolia, il riconoscimento assegnato con cadenza biennale a personaggi noti al grande pubblico che si distinguono “per la valorizzazione del concetto di qualità nel settore enogastronomico”. Il nome è quello di Paolo Parisi, allevatore “eretico” famoso ed apprezzato per le celeberrime uova bianche, creatore di “cose buone” – ovvero materie prime di altissima qualità – impiegate dai migliori chef nella loro cucina. Un imprenditore-pensatore la cui filosofia è sempre stata quella di “migliorare la qualità, l’etica nell’allevamento e l’espressione del gusto, vivendo in libertà e in completa armonia con la terra”. La cerimonia di consegna del Premio si terrà domenica alle 16:00. Nel pantheon di Enolia Paolo Parisi va ad affiancare Luigi Veronelli, Davide Paolini, Oliviero Toscani, Cesara Buonamici e Gianmarco Tognazzi, premiati nelle precedenti edizioni.

IL VILLAGGIO DEL VINO

Il Villaggio del Vino, grande novità degli ultimi due anni, abbandona il giardino laterale per conquistare un posto d’onore sul grande prato dinanzi a Palazzo Mediceo. La sezione è organizzata in collaborazione con LaFonderia – Una scelta di campo e con il giornalista enogastronomico Marco Bellentani. Il Villaggio sarà composto dalle postazioni di ventitré aziende vitivinicole che, in un ottica di mostra-mercato, presenteranno e venderanno direttamente in loco i loro prodotti, con un’ampia e qualificata rappresentanza di vini biologici, biodinamici e naturali. Il pubblico potrà accedere al circuito di degustazione con calice e pettorina a cinque euro.

Ecco l’elenco completo delle aziende partecipanti e dei vini proposti: Lunae (Ortonovo, La Spezia) – Etichetta grigia, Etichetta Nera, Cavagino (Vermentino) Niccolò V (Sangiovese, Merlot, Massaretta), I Liquori Essentiae; L’Altradonna (Strettoia, Lucca) – Strinatino (vermentino), Nero di Bugia (autoctoni e Merlot), Caloma (Vermentino), Strinato Nero (Merlot, Vermentino nero), Strinato Zero (Vermentino in metodo arcaico senza solfiti aggiunti), Eroico; Vini Apuani (Carrara) – Cybo (Massaretta in purezza), Vermentino Nero, altri vitigni autoctoni (Durella Gentile e Pollera); Solatione (Mercatale val di Pesa, Firenze) – Chianti Classico e Chianti Classico Riserva FIVI; Fattoria San Vito (Calci, Pisa) – Cartusia (100% Sangiovese), Santopietro (Cabernet Sauvignon e Merlot), Verrucano, Nicosia da uve Trebbiano, Malvasia e Vermentino FIVI; Col di Bacche (Magliano, Grosseto) – Morellino Riserva Rovente e I.G.T. Maremma Toscana Cupinero; Terra della Luna (Ortonovo, La Spezia) – produttore naturale, presenta tre tipologie di Vermentino, e tre Liguria di Levante (Caligrè, Sci di Luna, Vignali); Casale (Certaldo, Firenze) biodinamico demeter, Chianti Classico; Fattoria di Bacchereto (Carmignano, Prato) – produttore Triple “A”, presenta Sassocarlo (Trebbiano toscano 80%, Malvasia del Chianti 20%) e Carmignano (Sangiovese 75%, Canaiolo Nero 10%, Cabernet Sauvignon 15%); Il Calamaio (San Macario, Lucca) – Soffio (Chardonnay, Petit Manseng), Poiana (Sangiovese), Antenato (blend autoctoni) FIVI; Ca del Prete (Pino d’Asti, Asti) – Freisa, Malvasia di Schierano, Barbera e Bonarda FIVI; Fattoria di Magliano (Magliano, Grosseto) – Heba, Costamadre, Pagliatura, SInarra, Poggio Bestiale; Aimasso (Diano D’Alba, Cuneo) – Nebbiolo, Barolo, Barbera d’Alba Superiore, Moscato e Arneis; Quazzolo (Barbaresco, Cuneo) – Barbaresco DOCG, Dolcetto d’Alba DOC l Barbera d’Alba DOC; Ca Richeta (Castiglione Tinella, Cuneo) – Langhe, Nebbiolo, Vino da Messa FIVI; Verona Marco (Massa) – Bacca Nera (blend rosso locale), Sedì (vermentino, malvasia, albarola); Fedespina (Mulazzo, Massa-Carrara) – Spinorosso, Ca’ Riserva; Fattoria Valdrighi (Montecarlo, Lucca) – Montecarlo DOC; Fattoria Camigliano (Capannori, Lucca) – DOC Colline Lucchesi, biodinamico Nero del Gobbe, Le Calocchie; Tenuta Mariani (Bozzano, Lucca) – produttore locale, presenta Il segreto (bollicine) e altre etichette; Vigne Conti (Massa) – produttore biologico, presenta Equilibrio, Treaverso e altre etichette; Marini (Pistoia) – Chianti DOCG e Vin Santo; Tenuta Mareli (Camaiore, Lucca) – produttore biodinamico, presenta Nicodemo e Remagno.

GLI SHOW COOKING

Spettacolari, divertenti, gustosi: gli show cooking sono ormai tra i momenti irrinunciabili di ogni edizione di Enolia. Quest’anno saranno in tutto sei, introdotti e presentati da Marco Bellentani, e coinvolgeranno altrettanti chef e ristoranti della Versilia. A brillare su tutte sarà la stella Michelin di Valentino Cassanelli, chef del ristorante Lux Lucis di Forte dei Marmi, che chiuderà la rassegna domenica alle 17:45 accompagnando la presentazione del formaggio Brandan tabacco e foglie di noce in abbinamento ai vini L’Altradonna. L’onore e il piacere di aprire le danze spetterà invece sabato alle 17:00 a Marco Giannini del ristorante Alex di Marina di Pietrasanta, che proporrà un piatto abbinato ai vini Lunae. Sempre sabato, ore 17:30, Katiuscia Viti de La Buca del Tasso di Capezzano Monte cucinerà dal vivo abbinando la sua proposta ai vini Federspina. Domenica, prima di Cassanelli, a dare spettacolo ai fornelli saranno Simone Andreano del ristorante Il Posto di Pietrasanta (ore 13:00, con i vini della Fattoria di Magliano), Roberto Monopoli del ristorante Fubi’s di Viareggio (ore 16:30, con i vini dell’azienda Verona Marco) e Michelangelo Masoni del bistrò-macelleria Masoni di Viareggio (ore 17:00, con i vini di Ca’ Del Prete). Ai cooking show il pubblico potrà partecipare all’assaggio gratuito delle prelibatezze cucinate.

Special guest del Villaggio del Vino sarà il poliedrico e scanzonato oste Gaio Giannelli che nei due giorni della kermesse sfornerà a getto continuo gustose prelibatezze selezionate dal menù del suo ristorante Il Pozzo di Bugia di Querceta (degustazione a 5 euro) e presenterà i panini di Franco Lanata. Anche La Buca del Tasso terrà viva la fiamma della propria cucina per tutta la durata di Enolia proponendo all’interno del Villaggio del Vino gustosi cartoccini di Polpetti alla tradizione versiliese (anch’essi al prezzo di 5 euro).

IN ANTEPRIMA IL BRANDAN TABACCO E FOGLIE DI NOCE

Dopo il debutto dello scorso anno in versione “farro e birra”, il formaggio Brandan torna in una nuova ed originale formulazione “tabacco e foglie di noce”. Anche stavolta sarà proprio Enolia a tenere a battesimo la novità. Questa nuova interpretazione del formaggio prodotto con latte ovino dal Caseificio di Seggiano con la consulenza di Gabriele Ghirlanda matura in barrique di rovere incontrando gli aromi dolci e delicati del tabacco Bright Virginia, una pregiata varietà coltivata anche in Italia, e i sentori spiccatamente tannici delle foglie di noce. Un formaggio elegante e complesso, diverso ma ugualmente intrigante rispetto al capostipite della dinastia Brandan. Questo formaggio così particolare, lo ricordiamo, deriva il proprio nome da quello di Bartolomeo da Petroio, detto Il Brandano, che da bestemmiatore e libertino si trasformò a cavallo tra Quattrocento e Cinquecento in formidabile predicatore e fustigatore di costumi. Un mistico fuori da ogni logica per un formaggio disordinato nella forma ma generoso nel sapore, irriverente nell’aspetto ma capace di attirare su di sé tutte le attenzioni.

Il Brandan tabacco e foglie di noce sarà presentato domenica alle 17:45 nell’area show cooking di Enolia in contemporanea con la performance dello chef stellato Valentino Cassanelli del ristorante Lux Lucis di Forte dei Marmi che nell’occasione impiegherà proprio il nuovo Brandan nella composizione di un suo piatto.

PRODOTTI TIPICI SUL PRATO MEDICEO

Sul prato dell’Area Medicea troverà posto come sempre il ricco mercato dei ristoratori locali e delle aziende agricole: un variegato percorso del gusto con tipicità, rarità ed anteprime provenienti da ogni angolo d’Italia.

GLI ALTRI EVENTI A PALAZZO

Nell’ambito di Enolia, domenica alle 17:00 il sindaco di Mulazzo Claudio Novoa sarà ospite a Seravezza per presentare la nuova edizione del Bancarel’Vino, rassegna a tema enologico che vede protagonisti i vini e i libri. Una sorta di gemellaggio tra due manifestazioni che puntano con la stessa convinzione a far emergere e premiare le migliori produzioni del territorio toscano.

Da segnalare anche, nella due giorni di Enolia, la mostra personale del pittore Alessandro Colonnetta a Palazzo Mediceo.

ENOLIA E I RAGAZZI DELL’ALBERGHIERO

Enolia sarà anche quest’anno un’intensa palestra e al tempo stesso una bella vetrina per gli studenti dell’Istituto Alberghiero “Marconi” di Seravezza, coinvolti in varie attività nell’ambito della rassegna. Cureranno ad esempio l’accoglienza del pubblico nell’Area Medicea, assisteranno gli chef durante gli show cooking e serviranno al pubblico gli assaggi dei piatti cucinati sul momento. Avranno anche un punto informativo all’ingresso di Palazzo Mediceo per far conoscere l’offerta formativa del loro Istituto.

LE INIZIATIVE NEL CENTRO STORICO

Artigianato, arte, musica, cucina tipica, ballo, intrattenimento per i più piccoli: intensa e variegata anche la programmazione curata dalla Pro Loco di Seravezza per la giornata di domenica, che arricchisce e affianca il cartellone di Enolia favorendo la visita al centro storico cittadino. Dalle 10 fino a sera le bancarelle del mercatino dell’artigianato animeranno la passeggiata da via Fusco a piazza Carducci (in collaborazione con l’associazione QuercetArte). In via Roma troveranno posto invece le postazioni dei pittori, impegnati in estemporanea nella creazione di un’immagine che dovrà rappresentare l’Estate Seravezzina. Le opere saranno poi esposte alla galleria La Seravezziana: la migliore sarà utilizzata dalla Pro Loco come logo sulle t-shirt e sui materiali promozionali degli eventi estivi. Per tutta la domenica piazza Carducci sarà il fulcro di numerose attività. Tra queste: idee e consigli su come recuperare gli scarti alimentari per preparare prodotti di cosmesi naturale (a cura dell’Erboristeria Funel di Viareggio, negli orari 11:00, 14:00 e 15:30); truccabimbi, giochi gonfiabili e intrattenimenti per i più piccoli (dalle 14:30 alla sera); laboratorio per bambini (ore 15:30); esibizione della Scuola di ballo Salto Latino di Seravezza (ore 16:30); esibizione del gruppo folk “La Marina” di Strettoia con la danza tradizionale della quadriglia (ore 17:00). In piazza Carducci sarà inoltre attivo uno spazio gastronomico che proporrà – a pranzo e durante la giornata – alcune specialità della cucina locale. Per tutta la domenica si potrà visitare la mostra “Lavori in Corso”, collettiva di pittura e fotografia diffusa sul territorio e articolata su più sedi espositive.

In occasione di Enolia la Pro Loco di Seravezza attiverà un Info Point a Palazzo Mediceo per fornire al pubblico informazioni sulla città e sugli eventi.

I BUS NAVETTA GRATUITI

Atteso per domenica pomeriggio il massimo afflusso di pubblico, con possibile difficoltà di parcheggio in tutto il centro di Seravezza. Per questa ragione, come negli anni passati, la Fondazione Terre Medicee ha predisposto un comodo e gratuito servizio di bus navetta che nella fascia oraria 15:00-20:00 collegherà il grande parcheggio al terminal della stazione ferroviaria di Querceta con piazza Mazzini a Seravezza: due mezzi da venticinque posti faranno la spola per agevolare gli spostamenti dei visitatori ed evitare ingorghi. Per raggiungere il capoluogo si consiglia caldamente l’uso delle navette.