Seravezza Fotografia: le mostre di Pasqua

SERAVEZZA – Analogica o digitale, a colori o in bianco e nero, la fotografia d’autore è grande protagonista a Seravezza anche in questo lungo ponte pasquale. Ben quattro le mostre attualmente in corso nell’ambito della quindicesima edizione di “Seravezza Fotografia”, promossa dal Comune di Seravezza e dalla Fondazione Terre Medicee. Al piano nobile di Palazzo Mediceo prosegue la bella antologica dedicata a Uliano Lucas, a cura di Tatiana Agliani, dal titolo “La vita e nient’altro – Cinquant’anni di viaggi e racconti di un fotoreporter freelance” (fino all’8 aprile): duecento immagini che testimoniano la ricchezza, la varietà e l’originalità della produzione fotografica di Lucas, interprete di un fotogiornalismo che si fa “strumento di impegno civile e insieme professione indipendente, libera dalle costrizioni, viatico per la scoperta di mondi diversi”. Alle Scuderie Granducali si può visitare invece fino al 2 aprile la mostra “Terre Medicee” di Stefano Giogli, Giovanni Presutti e Andrea Avezzù, tre fotografi che in occasione del master organizzato lo scorso anno da Giorgia Fiorio sono entrati in contatto con diverse realtà legate all’escavazione e alla lavorazione del marmo. La mostra raccoglie una selezione di immagini scaturite da quella esperienza. Sempre a Seravezza, ma alla Galleria La Seravezziana di piazza Carducci, nel centro storico, merita una visita la mostra “Appunti di Vita” di Bruno Madeddu (fino all’8 aprile): ventinove scatti in bianco e nero realizzati dal fotografo sarzanese di origine sarda nel corso dei suoi più recenti viaggi in tutto il mondo. Immagini che mettono al centro l’uomo, che esprimono la voglia dell’autore di comunicare, di capire le situazioni, di conoscere e farsi conoscere. Infine, nel salone del Palazzo Civico di piazza Matteotti a Querceta (fino al 28 aprile) la mostra “La Cura” di Luca Vecoli. Il fotografo versiliese presenta un progetto delicato, intimo, che indaga il rapporto tra le generazioni attraverso il legame madre-figlia, raccontando lo stato d’animo di due donne nel momento più drammatico della loro esistenza, quello del distacco.

 
La mostra di Palazzo Mediceo è aperta il venerdì e il sabato con orario 15:00-20:00 e la domenica e i festivi con orario 10:00-20:00 (biglietto d’ingresso euro 7). La mostra alle Scuderie Granducali si visita invece dal venerdì alla domenica e i festivi con orario 15:00-23:00 (ingresso libero). Alla galleria La Seravezziana si accede dal lunedì alla domenica con orario 9:00-20:00, chiuso il martedì (ingresso libero), mentre al Palazzo Civico di Querceta, dal lunedì al sabato (chiuso nei festivi) con orario 9:00-20:00 (ingresso libero). Info: 0584 757443, 0584 756046, segreteria@terremedicee.it, www.seravezzafotografia.it

Il caso Pietrasanta entusiasma Firenze

PIETRASANTA – Plausi e consensi riceve il caso di Pietrasanta, esempio mirabile di turismo e cultura, scelto tra i modelli da approfondire dall’assemblea di Federalberghi ...