Dalla Puglia a Lucca, arrestato boss della Sacra Corona Unita

LUCCA – La Squadra Mobile della Questura di Lucca ha tratto in arresto, in ottemperanza ad un mandato di arresto della Procura della Repubblica di Lecce,  Antonio Centonze, del 68,  boss della Sacra Corona Unita affilato al clan  Pasimeni-Vitali-Vincenti che in Puglia era noto alle cronache, oltre che per i suoi trascorsi giudiziari, perché  amava girare in Ferrari.-

Dopo diverse condanne per mafia era divenuto l’amministratore di alcune società di fatto intestate a terze persone che erano  il polmone finanziario della Sacra Corona Unita  la quale utilizzava  dette società per gli scopi del sodalizio

Nel 2014 la DIA di Lecce gli sequestrò un patrimonio di 600 mila euro a seguito della condanna, divenuta irrevocabile, per  appartenenza all’associazione di tipo mafioso denominata sacra corona Unita.-

Da qualche mese Centonze si trovava a Lucca strettamente sorvegliato dagli investigatori della Squadra Mobile, in virtù della sua appartenenza al clan denominato Sacra Corona Unita;  che  nella mattinata di ieri lo hanno tratto in arresto  in quanto deve scontare 4 anni di reclusone per reati aggravati dal metodo mafioso.

 

Lascia un commento