De Stefano risponde a Gargini: “Non mi dimetto, nessuno mi può invitare a sgomberare il campo”

VIAREGGIO – ” “Il Gargini, neofita dell’agone politico chiede che De Stefano compia atti contrari al 1°comma dell’art.10 dello Statuto del Consiglio Comunale. Ignora che  l’eletto non è soggetto ad alcun vincolo di mandato,  quindi nè lui nè il suo burattinaio possono invitarlo a sgombrare dal campo”.

Giuseppe De Stefano risponde al consigliere di Viareggio Democratica che ne ha chiesto le dimissioni: :  “Egli invita affettuosamente l’ex caro collega dell’ENEL a sgobbare molto e rapidamente per recuperare il gap che lo separa da un veterano della politica quale il De Stefano è, per essersene occupato dal 1956, a 16 anni, e fino ad ora che di anni ne ha 76, in ottima salute mentale. Gargini farebbe bene  a sintonizzare  la sua bussola verso i valori etici  e di coscienza, ma  non convenienza, quale  un eletto deve possedere. Viareggio Democratica, poi, anche le pietre di strada sanno che il logo l’ha disegnato e depositato De Stefano, quando Gargini era nel limbo dei non addetti ai lavori, dal quale l’amico De Stefano lo pescò per riempire la lista che stava formando dopo le mancate primarie di 2 anni fa. Il De Stefano le ha chieste  su mandato sottoscritto dall’aspirante candidato sindaco Del Ghingaro, il cui testo originale è nel suo  archivio. Poi, sempre a proposito di Viareggio Democratica, viene  abbandonata perché è venuto meno il movente politico amministrativo originario. Dallo scritto del  Gargini si evince  che non se ne avvede , forse, perché diversamente da altri,  egli è piaggiato da qualcuno e/o da più d’uno”.

 

Lascia un commento