“Ha diffamato Alice Lepore”, il Pm Aldo Ingangi rinvia a giudizio Fabrizio Miracolo

VIAREGGIO – Decreto di citazione a giudizio per l’avvocato Fabrizio Miracolo, attuale presidente di Sea Ambiente. Secondo il Pubblico Ministero della Procura di Lucca, dottor Aldo Ingangi, che ha coordinato le indagini preliminari, Miracolo “ha offeso l’onore e il decoro di Alice Lepore riferendo al suo indirizzo e in relazione al suo operato in lettere aperte, dichiarazioni riportate su testate on line e su carta – la nota lettera aperta dello scorso agosto indirizzata all’allora commissario prefettizio Fabrizio Stelo, ndr. LEGGI ANCHE: Sea e rifiuti, lettera aperta di Miracolo a Stelo: “Richiami tutti alle …) nonchè con pubblicazioni di commenti sul proprio profilo Facebook, espressioni irriguardose ed oggettivamente offensive, rivolte al gruppo dirigenziale di Sea Risorse e Sea Ambiente e quindi anche alla persona offesa, quali quelle di essere una “psuedo dirigente politicizzata”, di essere “incapace di reperire tra cumoli di immondizia sparsi in ogni dove qualche traccia della loro ( sua ) incompetenza”, di aver organizzato il servizio di raccolta di rifiuti urbani in modo tale da smaltirli “i impianti di amici per fare arricchire anche questi”, di fare parte di un gruppo “giocatori delle tre carte”, di “colletti bianchi dal fetore organico”, di svolgere il suo servizio non con lo scopo di perseguire il pubblico interesse, ma di “speculazione economica e finanziaria in favore dei soliti”. L’udienza del processo è stata fissata per il prossimo 28 giugno, mentre per la contro querela che Fabrizio Miracolo aveva presentato contro Alice Lepore il Pubblico Ministero Antonio Mariotti ha chiesto l’archiviazione.

Lascia un commento