Distretto nautico, verso un protocollo d’intesa per lo sviluppo del settore

FIRENZE – Lo sviluppo e la valorizzazione della nautica toscana, insieme alla tutela della sicurezza e dei diritti dei lavoratori saranno gli obiettivi di un protocollo d’intesa al quale è stato deciso di lavorare oggi, al termine di un incontro promosso dal Distretto della nautica, in accordo con il consigliere del presidente per il lavoro Gianfranco Simoncini.

All’incontro, richiesto nel corso del tavolo di dieci giorni fa su Azimut-Benetti, hanno preso parte il presidente del Distretto nautico Vincenzo Poerio, l’amministratore delegato di Navigo – soggetto gestore del distretto – Pietro Angelini, i sindacati Cgil regionale, Fim e Fiom.

Il protocollo, come ha spiegato Simoncini, servirà a sostenere e valorizzare il distretto toscano che rappresenta un’eccellenza mondiale, in particolare per quanto riguarda la produzione di megayacht e affronterà con particolare attenzione i temi dei diritti e della sicurezza.

Spetterà a Navigo fare una ricognizione dell’attuale situazione del settore, dal numero degli addetti diretti e non, all’articolazione produttiva della filiera e alla situazione degli appalti e dell’indotto.
La fotografia aggiornata del settore sarà la base per la definizione di un programma di lavoro attorno al quale costruire il protocollo. In particolare saranno oggetti del confronto le questioni della formazione e dell’aggiornamento delle competenze dei lavoratori, della formazione per la sicurezza, degli interventi per l’innovazione, con l’individuazione di un modello di sistema produttivo ottimale che renda certi e trasparenti il rapporto con l’indotto e le aziende in appalto, valorizzando tutta la filiera.

E’ stato deciso di coinvolgere le associazioni di categoria, Confindustria, Cna, Confartigianato e un nuovo incontro sarà fissato entro i prossimi due mesi.

Le organizzazioni sindacali hanno apprezzato i tempi brevi della risposta dicendosi soddisfatti per l’apertura del confronto.