“Domino Tour”: l’eleganza di Malika Ayane sul palco di Villa Bertelli

FORTE DEI MARMI –  (di Bianca Leonardi) Delicata ma agguerrita, a tratti bambina e poi improvvisamente donna: a deliziare il pubblico di Villa Bertelli ieri sera, 21 Agosto, è stata Malika Ayane con il suo “Domino Tour” che, tra un provino e l’altro ad X-Factor, è salita sul palco di Forte dei Marmi carica di sogni e bellezza.

Ad accompagnarla in questo viaggio, tra i pezzi più famosi che tutti hanno cantato e quelle dolci poesie intime che ha sussurrato, ci sono stati Carlo Gaudiello al piano, Marco Mariniello al basso, Nico Lippolis alla batteria, Jacopo Bertacco alla chitarra.

Un brano dopo l’altro, tutto d’un fiato, senza poter fermarsi a pensare: da “Senza fare sul serio” a “E se poi”, fino a “La prima cosa bella” e “Tempesta”, come un invito a lasciarsi andare alla musica, all’arte e alla sensibilità dell’artista italo-marocchina.

Eclettica ed estrosa, Malika Ayane, da anni ormai sui palchi di Italia e non solo, mostra senza paura anche quel suo lato ironico e scherzoso che mette a proprio agio il pubblico.

Elegante e sexy, ma anche arrogante e a tratti scontrosa: così si presenta l’artista che, ancora una volta, è difficile da inquadrare. Nei suoi testi e nella sua voce il suo mondo, un mondo fatto di vita vera e di storie raccontate, storie di bellezza, di amore, di coraggio e debolezza.

Malika non si risparmia e non risparmia i suoi ascoltatori, l’autenticità della sua arte la rende ancora una volta incredibilmente vera e profondamente sicura del messaggio che porta.

“Sospesa”, come il titolo della sua canzone, così appare la cantautrice milanese, in una notte stellata di fine estate: sospesa tra l’ingenuità di una ragazzina e la forza di una madre, sospesa tra tutto quello che non dice ma che trasmette con l’armonia del suo corpo che trascina tutti in una danza lenta e dolcissima.