Battibecco su Fb: “La candidata del Pd fa campagna per la Lega”. “Era un post ironico”

0

VIAREGGIO – Battibecco su Facebook tra Laura Rapuano, candidata al consiglio comunale del Pd, in appoggio a Luca Poletti, e l’avvocato Fabrizio Miracolo, marito della candidata di Viareggio Democratica, in appoggio a Giorgio Del Ghingaro, Paola Gifuni. Vittima di un furto, Rapuano, ha scritto sul social network un post, ironico: “Mi hanno rubato dalla macchina la borsa della palestra…
Allora il programma elettorale in materia di sicurezza è questo: Il campo rom si fa a casa di Rossi Vado a parlare personalmente con il ministro degli interni e gli metto la tenda davanti casa finché non di sponde un aumento delle forze dell ordine presenti sul ns territorio Propongo uno sgravio di tasse e/o sanzioni comunali a coloro che in perlustrazione volontaria agevolano la cattura di chi viene colto in flagranza di reato”.

11270110_661796730587338_1500061359_nPost, questo, immediatamente immortalato in fermo immagine da Fabrizio Miracolo che commenta:”La candidata del PD che appoggia Poletti,fa la campagna elettorale per la lega”.

“E’ triste dover spiegare l’ovvio ma certe strumentalizzazioni proprio non le sopporto e visto che i candidati di altre liste, che evidentemente non hanno altro da dire se non riportare quello che dico io, si sono affrettati a copiare il mio post nella loro bacheca – commenta Laura Rapuano,  precisando: “La frase : “il campo Rom si fa a casa di Rossi” era ovviamente ironica e provocatoria.
Se non l’avete capito vi stavo anche un po’ “scimmiottando”….Il problema dei Rom è serio e deve essere affrontato con serietà ed impegno tenendo conto della necessità di promuovere processi di integrazione per coloro che dimostrino capacità e volontà di inserirsi nel tessuto sociale (andando a scuola, lavorando, partecipando anche ad associazioni di volontariato) ed escludendo coloro che invece di integrarsi campano di espedienti e di delinquenza… Questo è un principio che dovrebbe valere per tutti…a prescindere dalla razza, nazionalità e residenza… Senza dimenticare poi che qualsiasi processo di integrazione non può prescindere dalla tutela degli interessi legittimi e dei diritti dei cittadini… che regolarmente pagano le tasse e che quindi giustamente pretendono di poter dire la loro opinione anche su questo argomento”.

No comments

*