Giorgio Del Ghingaro: “Il 25 aprile è un monumento nel calendario di tutti gli italiani”

0

VIAREGGIO – “Siamo abituati a pensare ai monumenti come statue fisse in mezzo alle piazze. Ma il termine monumento letteralmente significa ricordo. Per me il 25 aprile è questo: non solo una ricorrenza, ma un monumento nel calendario di tutti gli italiani”. La riflessione sulla data è di Giorgio Del Ghingaro: ” Un monumento divenuto, suo malgrado, simbolo e i simboli spesso hanno diviso: così la resistenza è di sinistra, il tricolore è di destra. Luoghi comuni, alti steccati, che separano in nome di quei temi che invece dovrebbero unire: la Patria, la Libertà. Tuttavia a spingere tante giovani vite a salire sui monti e imbracciare il fucile, non furono le convinzioni politiche ma l’amore per il proprio Paese che vedevano oppresso, schiavo, morente. La Resistenza non fu guerra civile ma guerra di liberazione. Nei momenti di crisi serve unire le forze per guardare avanti e lasciare alle nuove generazioni un mondo migliore. Viareggio era la casa di Didala Ghilarducci, di Chittò, di Manfredo Bertini e di Vera Vassalle. Viareggio sa cos’è la resistenza. E infatti Viareggio ha resistito. Durante la crisi, davanti al dissesto”.

No comments

*