“La salute non è una merce!”

0
VIAREGGIO – “Ho firmato con convinzione il referendum per abrogare la legge toscana sulla riorganizzazione del servizio sanitario regionale, una legge che prosegue la politica di tagli e accorpamenti, di riduzione del personale e che consegna ai privati la nostra salute”.
La nota stampa che riportiamo integralmente è del candidato sindaco Filippo Antonini: “Per questo ho sottoscritto anche il documento “Sanità” elaborato dalla Rete Ambientale della Versilia e discusso, insieme a molti altri argomenti, durante la serata del 7 maggio al Fienile. E ho partecipato al presidio del 2 aprile scorso di fronte alla “Casa della Salute” al Tabarracci. Condivido la preoccupazione per gli evidenti segnali di smantellamento dell’ospedale Versilia e per la diminuzione dei servizi. I prepensionamenti riducono il personale che non viene reintegrato a causa del blocco del turn over e poi i vertici della Asl 12, in ossequio alle direttive regionali, spacciano per una grande idea quella di passare i pazienti alle strutture private.  Quanto manca ancora prima che si consegni in tutto e per tutto il servizio sanitario e la nostra salute alla gestione privata? Dobbiamo dire forte e chiaro che stanno smantellando lo stato sociale pezzo per pezzo, in nome del profitto di pochi, fra cui ci sono senz’altro i manager ai quali vengono riconosciuti dei bonus a molti zeri, se sono stati “bravi” ad eliminare posti letti e a risparmiare sui servizi. Per tutto questo, aderisco anche alla campagna lanciata dal comitato Salute Pubblica di Massa che mi ha espressamente invitato a scattarmi una foto con il cartello #noaiticketsanitari  perché la salute non è una merce”.

No comments

*