“Lecciona, ultima chiamata”

0
VIAREGGIO – “Quanto vale la tutela dei posti di lavoro con la prevenzione dei rischi per la vita umana che dovrebbe essere prioritaria in una società che si ritiene civile, di più quando si unisce il concetto di accoglienza e sicurezza di chi frequenta le nostre spiagge?”
La nota stampa che pubblichiamo integralmente è a firma del candidato sindaco del Movimento Cinque Stelle, Giulio Zanni: ” Quanto è successo con la vicenda dei bagnini della Lecciona testimonia invece un disinteresse generale per mettere in sicurezza la spiaggia che va da Viareggio fino a Marina di Torre del Lago, disinteresse veramente impressionante per i suoi tristi contorni. Ricordiamo innanzi tutto che nel 2014 è stato fatto un bando per la sorveglianza del tratto di spiaggia da 10.000 euro in meno rispetto al costo reale del servizio e di cui si sapeva già l’iniquità, come fu fatto notare all’assessore PD referente della questione. Quest’anno, ed è qui che esprimiamo le nostre forti preoccupazioni, con il commissario e il dissesto, ancora non si sa chi e come garantirà la sorveglianza su quei quasi 3 chilometri di costa che, a norma di legge, sono aree soggette a balneazione con la necessità che il tratto di mare venga sorvegliato per prevenire incidenti che avrebbero una ricaduta pessima sull’immagine dell’intera città, oltre che intollerabile dal punto di vista umano e dell’accoglienza del nostro territorio. Se il comune si arrenderà ai conti in rosso, il Movimento 5 Stelle di Viareggio solidarizza con la protesta di domenica dei bagnini della Lecciona e chiede che Regione Toscana e il commissario si facciano responsabili quanto prima di un tratto di costa bella e naturale, ma anche molto frequentata, garantendo il servizio sorveglianza e saldando il passivo che ancora aspettano bravi e coraggiosi lavoratori del settore salvamento”.

No comments

*