Luca Poletti: “come rilanciare il porto con la Regione”

0

VIAREGGIO – Le ripetute aperture del governatore della Toscana Enrico Rossi per un progetto complessivo di rilancio del porto di Viareggio sono estremamente importanti e rappresentano un’occasione da cogliere al volo. E’ il pensiero di Luca Poletti, candidato sindaco per Pd, lista civica VVV e Federazione di sinistra, all’indomani della visita del presidente della Regione in Versilia. Visita che il governatore ha programmato anche per sostenere in prima persona la candidatura di Poletti.

Lo stesso Poletti, che ha trascorso buona parte della giornata insieme a Rossi, confrontandosi con operatori della cantieristica e della nautica anche nella sede dell’Udina, sottolinea la validità dell’accordo di programma per il porto: “Rossi ha rilevato come la Toscana costiera si trovi in condizioni complessivamente peggiori, per quanto riguarda la ripresa economica, rispetto alla Toscana interna. Da questo punto di vista la rete portuale può essere strategica. La Regione ha investito nei porti di Piombino e di Livorno, ed è pronta a fare altrettanto a Viareggio. La condizione è che si giunga a un accordo di programma, fra Comune di Viareggio e Regione, che stabilisca gli interventi necessari e la tempistica precisa: c’è da operare un riassetto complessivo,  con la sistemazione delle banchine, la rivisitazione delle concessioni (che devono andare a chi è in grado di creare occupazione), la pulizia del porto a terra e in acqua, e la soluzione del problema dell’insabbiamento.  Firenze è pronta anche a finanziare la viabilità per le Darsene, purché il Comune assuma le decisioni necessarie”.

Poletti è convinto che le scelte non siano più rinviabili: “Se sarò eletto sindaco concluderò nel più breve tempo possibile l’accordo di programma con la Regione per rimettere ordine nel porto ed eliminare problemi e inadeguatezze, che ormai sono noti a tutti. Sappiamo bene quali sono le cose da fare, anche perché ce le ripetono continuamente gli imprenditori del settore, piccoli e grandi. I tempi sono più che maturi per passare alla fase delle decisioni: è esattamente quello che farò”.

No comments

*