“Ma quale razzismo, è un problema di ordine pubblico”

0

VIAREGGIO – “Il tema della sicurezza riguarda ed, ahime’, coinvolge l’intera città e tutti i cittadini, le famiglie e le imprese di Viareggio e di Torre del Lago Puccini. Il razzismo non c’entra nulla, qui si tratta di ordine pubblico”.

La nota stampa che pubblichiamo integralmente è a firma del candidato sindaco Massimiliano Baldini:
“L’arrivo e la presenza spropositata di extracomunitari sul territorio italiano come a Viareggio, che non lavorano, vivono di espedienti e sono facile preda della criminalità organizzata non e’ piu’ gestibile, ne’ sopportabile e questo concetto e’ chiaro e conosciuto da tutti.
E la gravità della situazione e’ tale che anche le persone piu’ moderate e piu’ tolleranti non ne possono piu’ di subire furti, danni, di assistere allo spaccio alla luce del sole e di aver paura quando si rientra a casa la sera, magari con l’incasso o lo stipendio in tasca.
Se saro’ il Sindaco di Viareggio mi opporro’ con ogni mezzo affinché il Governo non ci scarichi a casa nostra i frutti di una politica di accoglienza scellerata ed incontrollata. A Viareggio ed a Torre del Lago non ne vogliamo piu’ di questi problemi perche’ siamo tutti stufi di non essere piu’ padroni in casa nostra. La storia del razzismo, lo ripeto, e’ una bufala voluta da una certa sinistra, ferma ancora agli anni 70, che ci campa ideologicamente e di qualcun’altro che magari, come e’ successo altrove, con questi migranti pensa di farci gli affari e di guadagnarci. Siamo arrivati al punto che se difendi i diritti degli italiani e dei viareggini ti tacciano di razzista, ma siamo matti ? Cittadini, viareggini e torrelaghesi, alziamo la voce affinché i soldi pubblici siano usati per aiutare gli italiani a trovare un lavoro, ad avere una casa, ad avere piu’ Forze dell’Ordine,, a godere di una città piu’ sicura e piu’ decorosa e non a mantenere questa povera gente che deve imparare a costruirsi un futuro nel proprio Paese dove e’ nata e dove ha il diritto di stare secondo le proprie usanze e le proprie leggi”.

No comments

*

Ascom: “Per chi lavora questo comune?”

“Lasciano sbigottiti, ma forse dovremmo anche aggiungere che ormai non stupiscono più di tanto, le recenti iniziative dell’attuale amministrazione comunale a danno delle attività produttive”. ...