Mover e ciclabili: “Un paradosso da superare”

0

VIAREGGIO – “Nel contratto di servizio stipulato tra Mover e Comune di Viareggio c’è un punto che appare paradossale: quella della gestione della mobilità ciclistica”.

La nota stampa che pubblichiamo integralmente arriva dal Movimento Cinque Stelle e dal suo candidato sindaco Giulio Zanni:
“Il bike-sharing, ad esempio, nato per supportare i parcheggi scambiatori e favorire l’uso della bici in città, ha avuto una storia travagliata: il progetto si è dimostrato subito scadente e arrugginito come le quindici bici, pagate dai cittadini, che ad oggi ci risultano abbandonate da molto tempo in un deposito.
La società Mover, nata soprattutto per la gestione dei parcheggi a pagamento e che quindi ha tutti gli interessi ad agevolare l’uso delle auto in città, non ha realizzato un “Ufficio Bici” che il M5S ha sempre auspicato per Viareggio e gli studi e l’attivazione dei procedimenti necessari finalizzati all’ottenimento di finanziamenti, comunitari, statali, regionali ecc. per la mobilità ciclabile e i risultati sono sotto gli occhi di tutti.
Inoltre si è palesata con il tempo una totale mancanza di coordinamento con gli uffici comunali preposti e che hanno peggiorato la situazione delle strade e dei marciapiedi in generale.
Il Movimento 5 Stelle, anche per questo, vuole che sia rivisto tutto il rapporto tra Comune di Viareggio e Mover e pensa che sia giunto il momento di iniziare una strategia seria per la ciclabilità, iniziando con piccoli, ma importanti e graduali interventi.
In particolare con la redazione di un piano del traffico sostenibile per una città più libera dalle auto, con maggiori aree pedonali e ciclabili, nonché la realizzazione di corsie preferenziali destinate ai mezzi pubblici e al trasporto sostenibile delle merci.
Vogliamo un’urbanistica che pianifichi la Viareggio del futuro pensata a misura d’uomo, dei cittadini e dei suoi ospiti, nel giusto equilibrio tra ambiente e lavoro, moltiplicando le opportunità ed eliminando privilegi e monopoli di soci privati onnipresenti”.

No comments

*