Movida, Emiliano Cerri (VVV): “Giusto equilibrio tra sicurezza e iniziative imprenditoriali”

0

“Siamo i primi ad essere interessati che le esigenze commerciali si affianchino a quelle del controllo e della salvaguardia del territorio, sia come cittadini che come imprenditori- afferma Emiliano Cerri della lista civica Viva Viareggio Viva – dunque non posso che ribadire la mia adesione e quella della lista civica VVV alla presa di posizione della Confesercenti e della sua presidente, Esmeralda Giampaoli.
“Il divertimento è una cosa seria – afferma Giampaoli- motivo per cui è necessario prestare la massima attenzione per individuare il punto di equilibrio tra le esigenze di sicurezza e ordine pubblico e il principio di libera iniziativa economica ed imprenditoriale, sancito dall’articolo 41 della Costituzione Italiana. Le aziende hanno assunto modelli di comportamento virtuosi già in passato, avviando un processo di autoresponsabilizzazione, avendo la consapevolezza di essere le prime a subire gli effetti di accadimenti negativi. Infatti, le attività imprenditoriali condividono la necessità di individuare i giusti strumenti per la promozione del senso di sicurezza e di presidio del territorio. E questa esigenza è stata manifestata in più di una circostanza, con significative prese di posizione e atti concreti”.
Cerri sottolinea infatti la scelta dei locali della Darsena di dotarsi di un servizio di vigilanza esterna, condividendone gli oneri, una scelta non sempre facile,ma che dimostra la costante attenzione sul tema della sicurezza e anche la presa di coscienza che, per scarsità di mezzi, le forze pubbliche non riescono in questo momento, ad essere presenti quanto necessario.
Insomma l’obiettivo rimane quello di trovare il giusto equilibrio tra l’esigenza di un divertimento sano e sicuro, la tutela dell’esercizio dell’attività imprenditoriale, indispensabile per il rilancio dell’offerta turistica cittadina, e l’esigenza di sicurezza e di ordine pubblico. “Per questo mi sto facendo promotore di un protocollo di intesa da far sottoscrivere ai locali della Darsena e di Torre del Lago- conclude Cerri – non solo per la vigilanza privata, ma anche per vietare la vendita di alcolici ai minorenni e perché il prezzo degli alcolici stessi non venga ribassato, per evitare di incentivarne il consumo”.

No comments

*