“Nessun processo a chi sostiene Del Ghingaro, ma constatiamo la contraddizione”

0

VIAREGGIO – Dopo il caso di Mario Navari, Gualtiero Lami e Emiliano Favilla, espulsi dal Partito di Rifondazione Comunista per aver appoggiato Luca Poletti anzichè Filippo Antonini, in molti si sono chiesti come mai nel Pd analoga decisione non sia stata presa nei confronti di chi, Manuela Granaiola in primis, sta appoggiando il candidato Giorgio Del Ghingaro. “Le scomposizioni politiche sono frutto della crisi complessiva della città – spiegano il commissario del Partito Democratico, avvocato Giuseppe Dati, e Dario Parrini, segretario regionale -: “Dobbiamo dire però, per quello che riguarda il Pd con grande tranquillità, che a Viareggio abbiamo un candidato, Luca Poletti, che davvero ci sembra il migliore del lotto, e crediamo che vincerà. Dopo di che, se dovessimo perdere le elezioni, ma davvero non lo pensiamo, faremo con serenità l’opposizione nell’interesse della città, chiunque sia il vincitore. Se altri hanno fatto scelte diverse, ne prendiamo atto. Da parte nostra non ci sarà alcun processo. Ci limitiamo a constatare che c’è contraddizione tra l’appartenenza al Pd e la candidatura o il sostegno alla candidatura per liste concorrenti”.

No comments

*