Rifondazione Comunista: “Accoglienza decentrata in città per i rifugiati. No ai megacentri”.

0

VIAREGGIO – Quello che è successo nelle ultime ore indaga profondamente la coscienza di tutti noi. Il  numero, ancora imprecisato, di morti a largo di Lampedusa è il ritratto più limpido di quelloche sta diventando il mar Mediterraneo: un’enorme cimitero d’acqua.

“Non è sicuramente compito dell’amministrazione comunale – spiegano dal Partito della Rifondazione Comunista di Viareggio – proporre soluzioni definitive all’emergenza sbarchi che, ormai da quasi un quinquennio, vede decine di migliaia di uomini, donne e bambini avventurarsi in un viaggio disperato attraverso il mare. Possiamo, però, mettere a sistema quello che già il territorio esprime, soprattutto per quanto riguarda l’accoglienza dei richiedenti asilo e dei rifugiati politici. Soggetti che, ricordiamo a qualche sprovveduto, sono protetti da numerose convenzioni sui diritti dell’uomo, firmate anche dall’Italia”.

In città esiste già un nodo della rete di accoglienza ministeriale, gestito, a livello nazionale dall’ANCI e che ha come ente attuatore l’ARCI. “Nella nostra città – aggiungono dal PRC – l’associazionismo ha già declinato, grazie alla partecipazione della Provincia di Lucca e all’adesione del comune alla rete SPRAR (Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati), un’accoglienza diffusa, discreta e quasi impercettibile”.

Sono infatti una quindicina i richiedenti asilo e rifugiati presenti nel comune di Viareggio: tutti integrati, diversi lavoratori ed anche due nuclei familiari.

“Noi – concludono dal partito che aderisce a “Repubblica Viareggina” – siamo contrari a mega centri, come da qualcuno paventato, perché trasformano le strutture in ghetti, creano tensione nei quartieri e allarmano i cittadini. Pensiamo che, anche alla luce di quello che è successo, la prossima amministrazione dovrà lavorare all’implementazione della rete disolidarietà diffusa già in campo.

No comments

*