“Stagione lunga, balneazione ancora troppo corta”

0

VIAREGGIO – “Con le festività di Pasqua, sono iniziate le attività presso gli stabilimenti balneari della Versilia, aperte solo per attività elioterapiche, ma i turisti che arriveranno sul nostro territorio per avere un servizio di sorveglianza a pieno regime purtroppo dovranno aspettare il 15 giugno”. La nota stampa che pubblichiamo integralmente è del Movimento Cinque Stelle: ” Infatti con la delibera regionale del 2 marzo 2009 si stabilisce che il periodo minimo di apertura degli stabilimenti balneari risulta essere dal 15 giugno al 15 settembre.
Solo in questo periodo viene garantita, per “obbligo”, la sorveglianza sul litorale marittimo per tutti i giorni della settimana, mentre per il restante periodo, da metà aprile fino al 14 giugno o dal 15 settembre in poi, il servizio viene svolto solo nei giorni festivi sabato e domenica. Visto che il turismo balneare è una risorsa importante per il nostro territorio e che i cambiamenti climatici ci hanno insegnato che negli ultimi anni la bella stagione si è sempre più protratta fino a novembre, è auspicabile allungare il periodo stagionale, sia per un discorso occupazionale, che per cercare di attirare i turisti stranieri provenienti dai paesi del Nord Europa, tendenzialmente presenti già nelle mezze stagioni e soprattutto a partire da metà settembre. Pensiamo che Regione Toscana e Comune di Viareggio si debbano attivare al più presto per allungare il calendario di sorveglianza obbligatoria, anche per scongiurare gli eventuali incidenti ai bagnanti che si verificano regolarmente nei periodi pre e post stagionali dove l’affluenza alle spiagge è comunque “grazie al cielo” di rilevante entità. Ricordiamo inoltre che gli appelli ad allungare la stagione balneare anche quest’anno non potranno prescindere da una sollecita richiesta a ritardare l’inizio del primo giorno di scuola, spostandolo persino al primo ottobre, fatto questo che senza dubbio susciterà molte polemiche, ma darà una grossa mano all’industria turistica anche locale”.

No comments

*