Elezioni politiche, la Confesercenti ha incontrato Stefano Baccelli

VIAREGGIO – Tassazione, costo del lavoro, sicurezza, desertificazione dei centri storici. Questi alcuni dei tempi che Confesercenti Toscana Nord ha affrontato nell’incontro con la candidata al Senato per il Movimento Cinque Stelle Valeria Marrocco. Per l’associazione di via Ponte a Piglieri erano presenti il presidente area pisana Luigi Micheletti, il vicepresidente Massimo Rutinelli, il responsabile Simone Romoli, il presidente dei balneari Fiba Gianluca Tizzo, il coordinatore Pisa Quality Restaurant Stefano Campazzi, il coordinatore sindacale Giulio Garzella e il direttore Toscana Nord Miria Paolicchi. “Le imprese dei nostri settori – ha detto Micheletti – stanno ancora combattendo con una crisi che dura da dieci anni. Senza armi affrontiamo l’impossibilità di accedere al credito per noi piccoli imprenditori, l’aumento degli affitti commerciali, il degrado e la criminalità, una tassazione nazionale e locale ormai insostenibile. Dalla politica chiediamo risposte concrete, persone che affrontino i nostri problemi quotidiani”. Stefano Baccelli ha fatto sue molte delle proposte di Confesercenti soffermandoci poi su alcuni punti. “Per quanto riguarda i centri storici – ha detto – bene che ci sia un ricambio generazionale ed una innovazione delle attività ma guai a perdere l’identità, fenomeno che purtroppo si sta verificando nelle nostre realtà. Bisogna lavorare perché i negozi storici popolino ancora i centri storici anche come presidio di legalità e aggregazione. Non possiamo assistere a strade in cui regni il monocommercio. Importante anche il tema degli affitti dei fondi commerciali – ha insistito Baccelli – che non possono trasformarsi in rendite passive”. Poi un passaggio sul turismo. “Bisogna lavorare ad una promozione maggiore dei nostri territori – ha detto ancora il candidato Pd alla Camera – considerando che non basta un aumento del numero di turisti se questo poi non ha ricadute concrete sui nostri territori. Investiamo sui progetti culturali come ad esempio al ciclopista di Puccini anche con investimenti concreti che portino lavoro. Possibile che i 20 milioni per restaurare le mura di Lucca non abbiano prodotto nemmeno una nuova assunzione”. La conclusione non poteva che essere sulla Bolkestein la cui revisione è stata chiesta con forza da Confesercenti. “Il tema delle concessioni deve essere rivisto totalmente – ha concluso Stefano Baccelli – penso anche a quelle della Passeggiata di Viareggio. Ma con un patto chiaro che salvaguardi gli imprenditori che hanno investito in questi anni”.