Ci.Vi.To.:”Solo quattro candidati su sette hanno sottoscritto il contratto etico”

1

VIAREGGIO (di Alberto Pardini) –  Con la conclusione della campagna elettorale si conclude anche l’iniziativa “Contratto Etico di Viareggio”, proposta dall’Associazione Ci.Vi.To., per vincolare moralmente i candidati ad un comportamento etico e legalitario una volta eletti. Ebbene, di sette candidati solo in quattro hanno risposto all’appello.

“Abbiamo contattato tutti e sette i candidati attraverso mail, messaggi privati, telefonate e comunicati a mezzo stampa – spiegano quelli di Ci.Vi.To. – Massimiliano Baldini ha sottoscritto il contratto in data 12 marzo, non prima di averne discusso e approfondito con noi il contenuto con spunti interessanti; Alessandro Santini ha firmato il 28 aprile, una firma immediata poiché si era già informato sui contenuti e quindi non c’è stato bisogno di approfondire. Anche Giulio Zanni ha sottoscritto il contratto etico in data 19 marzo, a seguito di un confronto con la propria assemblea; l’ultimo a sottoscrivere il documento è stato invece Filippo Antonini, il 27 maggio”.

Non hanno quindi firmato Poletti, Del Ghingaro e Giorgetti: “Giorgetti non ha mai risposto ad alcun invito, Poletti non si è presentato all’incontro fissato dopo ripetute mail e telefonate a causa di altri impegni, mentre Del Ghingaro si è limitato ad un “Vi faremo sapere” che non ha avuto seguito alcuno”.

“Senza voler dare alcuna valenza politica alla nostra esperienza, ci atteniamo ai fatti e ai comportamenti dei candidati – concludono – é doveroso il ringraziamento ai componenti degli staff dei candidati Sindaco per la solerzia, la correttezza e la serietà con cui hanno interagito con la nostra Associazione, rendendo possibile il buon esito di questa iniziativa”.

1 comment

  1. Valerio 29 maggio, 2015 at 16:39 Rispondi

    per quei 3 candidati che non hanno sottoscritto:
    già da candidati non hanno preso le loro responsabilità davanti ai cittadini, figuriamoci se diventassero sindaci.
    ogniuno poi si faccia le proprie considerazioni.

Post a new comment

*