Eventi, Zucconi: “Viareggio Cenerentola”

0

VIAREGGIO – La paventata perdita del Festival della salute rappresenta l’ennesima sconfitta sul fronte degli eventi. Il candidato al consiglio regionale della Toscana Riccardo Zucconi ha ben presenti i motivi di una progressiva fuga di manifestazioni da Viareggio: “visto che la Regione non ci aiuta, bisogna proporre sconti per chi presenta un progetto”

E’ assurdo _ commenta _ che nei decenni siano state perse troppe occasioni: c’era il Vela Show, la Fiera del Libro e c’erano concerti in piazza Mazzini. Progressivamente tutto è svanito ed è rimasto solo il Carnevale da ‘spendere’ anche durante l’estate e il Festival Puccini con tutti i problemi di budget che ne hanno compromesso i numeri di presenze del passato, poi abbiamo la perdita di smalto del Premio Viareggio -Repaci e la fine di Europacinema. Senza parlare di una Cittadella inutilizzata e che potrebbe essere ideale contenitore di eventi. La Regione ha fatto cascare dall’alto contributi per salvare il Carnevale ma ci aspetta una stagione turistica senza intrattenimento mentre Lido di Camaiore ha già il suo carnet di appuntamenti, per non parlare di Pietrasanta e Forte dei Marmi che hanno presentato i loro cartelloni sbandierando anche nuovi eventi da proporre. A Viareggio purtroppo, oltre a perseverare un stato di incuria _ ribadisce Zucconi _ ci sono costi proibitivi di vigilanza e suolo pubblico che scoraggiano chiunque. A questo punto, vista l’imminente apertura della stagione, urgono provvedimenti da prendere a tempo record. Visto che la Regione ‘latita’, snobbando l’importanza di sostenere promozione e appuntamenti in una località turistica, sarà necessario garantire sconti e agevolazioni per chi presenta un progetto accattivante. Altrimenti aspettiamoci un’estate col coprifuoco, dove la clientela la sera si dirotterà altrove”

No comments

*

“Dimissioni immediate”

MASSAROSA -“Da ex consigliere della frazione di Bozzano ( e con questo colgo l’occasione per comunicare pubblicamente le mie dimissioni ), mi sento indignato e ...