Stefano Baccelli in corsa alle Regionali, presentata a Viareggio la candidatura

0

VIAREGGIO – “Andrò alla Regione per interpretare le esigenze dei territori della provincia di Lucca, della Piana, della Versilia e della Garfagnana. Intendo dare voce alle esigenze delle comunità e mi esprimerò ad alta voce, proprio perché sarà la voce di tutti i cittadini”. É con queste parole che Stefano Baccelli ha presentato questo pomeriggioal Caffè Margherita, a Viareggio, la sua candidatura al Consiglio Regionale della Toscana. Una candidatura che arriva dopo 9 anni di esperienza come presidente della Provincia. Domani, sabato 25 aprile, alle ore 18, l’inaugurazione della sede elettorale di Viareggio, in via Matteotti 153.

Questi alcuni dei temi al centro dell’attenzione di Baccelli.
INSIEME PER CONTARE DI PIÙ

Con la mia candidatura metto a disposizione della comunità e dei territori della Toscana la straordinaria esperienza, amministrativa e umana, che ho maturato nel corso di questi nove anni in cui ho avuto il privilegio di svolgere il ruolo di Presidente della Provincia di Lucca.
Voglio portare in Regione la voce, i bisogni e le aspettative dei cittadini della nostra provincia, per valorizzarne il patrimonio professionale e umano, quella bellezza ed energia di cui la nostra comunità è ricca e che sarà utile a tutta la Toscana.
Voglio uno sviluppo equilibrato della Toscana, senza differenze tra territori ma con analoghe occasioni di crescita, sensibili alle peculiarità di ognuno di essi.
Quanti più saremo nel condividere questo progetto, tante più chance avremo di realizzarlo. Io parlerò ad alta voce, perché dovrà essere la voce di tanti.
IL TERRITORIO SI CURA
Un territorio sicuro è qualità della vita, sicurezza sul lavoro, tranquillità nelle nostre case. Bisogna aver cura del territorio e della comunità: difesa del suolo, politiche ambientali, sviluppo economico, urbanistica debbono diventare declinazioni diverse di una medesima azione.
Una comunità sicura è una comunità che cresce in varietà e culture, un’occasione straordinaria per un’identità che si rinnova. Più ricca, più forte, più orgogliosa, un’identità ferma sui nostri valori ma aperta ad una convivenza rispettosa, piacevole e sicura.
PICCOLE IMPRESE, GRANDE CORAGGIO
Le piccole e medie imprese sono il motore della nostra economia. Crediamo in una mobilità funzionale, nella realizzazione di infrastrutture moderne, in una pubblica amministrazione amica, capace di investire su progetti innovativi e dare corpo alle idee migliori.
Dobbiamo ascoltare i bisogni delle imprese, liberare il loro potenziale, in modo che il grande coraggio dei nostri imprenditori si trasformi in nuova occupazione e occasione concreta di sviluppo.
DI CULTURA SI VIVE
La cultura siamo noi. Noi italiani, noi toscani, con la storia e la bellezza che caratterizzano la nostra identità. Il valore aggiunto della nostra economia, ciò che ci arricchisce, moralmente e materialmente, e che ci fa dire che con la cultura è possibile vivere.
Per questo motivo sostenere la cultura significa creare benessere per i cittadini, nuove opportunità di lavoro e d’impresa per gli operatori, nuove attrattive per un turismo che si fa sempre più esigente.
AL NOSTRO PAESAGGIO NUOVE PROSPETTIVE
Il nostro paesaggio è bellissimo, ma non è una fotografia immutabile. Dobbiamo credere all’idea di poterlo rendere ancora più bello e al tempo stesso più accogliente per i cittadini e per le imprese. Possiamo aggiungere bellezza e sommare sviluppo, cogliendo le differenze di ogni territorio. Una pista ciclabile in un luogo prima inaccessibile o la riqualificazione di un complesso industriale abbandonato creano una prospettiva diversa su un bene ambientale e una nuova occasione di crescita.
LUOGHI DA VIVERE, LUOGHI DA VEDERE
Chi sceglie di visitarci è affascinato dalla nostra cultura, dal nostro modo di vivere, da ciò che le generazioni precedenti hanno realizzato, poi trasformato e conservato. Continueranno a preferirci se sapremo essere all’altezza di questa straordinaria eredità. Basta rimanere fedeli a noi stessi, alla nostra identità e far sapere al mondo di quanta bellezza naturale, artistica e umana sia ricca questa splendida terra. Perché vivere in Toscana sia un privilegio, visitarla un’emozione.
SANITA’, L’ACCENTO SULLE PERSONE
La cura è un diritto. Tagliare gli sprechi è un dovere, ma curare bene le persone un imperativo categorico. Una buona cura pretende tecnologie avanzate, professionalità adeguate, ospedali accoglienti e soprattutto attenzione ai bisogni elementari delle persone.
Le famiglie di un malato, di un anziano, di un disabile non possono essere lasciate sole nella fatica quotidiana dell’assistenza ai propri cari, tanto meno essere costrette a gridare il loro bisogno di aiuto.

Stefano Baccelli è nato a Lucca il 16 luglio del 1965. E’ stato eletto per il secondo mandato amministrativo alla Presidenza della Provincia di Lucca nel maggio del 2011.

Dopo la laurea in Giurisprudenza all’Università degli Studi di Pisa, ha conseguito l’abilitazione all’esercizio della professione di avvocato e una specializzazione sulla gestione degli appalti pubblici presso l’Istituto Giuridico Opere Pubbliche di Roma. Contemporaneamente, ha frequentato la scuola di specializzazione in studi sull’amministrazione pubblica dell’Università di Bologna.

Ha iniziato a lavorare per SALT nel 1998, divenendo coordinatore dell’ufficio legale; attualmente è in aspettativa non retribuita, secondo quanto stabilito dall’art. 81 del DLgs 167/2000, per svolgere le funzioni del mandato amministrativo.

Impegnato in campo sociale, fra il 1997 e il 1999, ha partecipato in Bosnia Erzegovina e in Kosovo ad alcuni progetti di animazione per i bambini promossi dall’associazione “Beati i costruttori di pace”.

Di tradizione cattolico democratica, con una lunga esperienza scoutistica nell’A.g.e.s.c.i., ha cominciato a fare politica nel movimento giovanile della Democrazia Cristiana, per poi proseguire nel Partito Popolare Italiano e nella Margherita, di cui è stato, fra il 2003 e il 2007, coordinatore comunale di Lucca e membro della direzione provinciale e regionale. Attualmente è membro della direzione regionale e delegato dell’assemblea nazionale del Partito Democratico.

Attualmente ricopre i seguenti incarichi: presidente della Fondazione Mario Tobino; membro del consiglio d’amministrazione della Fondazione Lucchese per l’Alta Formazione e la Ricerca; membro del consiglio direttivo della Fondazione Puccini; presidente della Fondazione Casa.

No comments

*