“Ero in farmacia a misurarmi la pressione”, evaso dai domiciliari finisce in manette

0

FIRENZE – I Carabinieri del Nucleo Radiomobile, nel corso del loro servizio di pattugliamento, tra i vari compiti, hanno eseguito il controllo di un italiano, 67enne, di origini pugliesi ma residente da tempo a Firenze, poiché sottoposto alla detenzione domiciliare. Il controllo però non andava a buon fine perché l’uomo non rispondeva al citofono dell’appartamento. I militari, non ricevendo alcuna risposta, provvedevano a contattarlo tramite il 112 sul suo cellulare, sentendosi rispondere che si era allontanato da poco perché non si era sentito bene e voleva farsi misurare la pressione in una farmacia che si trovava vicino alla sua abitazione.

I carabinieri, insospettiti dalla scusa, pronta ma non credibile, hanno approfondito la vicenda, portandosi immediatamente presso la farmacia indicata dal 67enne. Da un rapido confronto dell’orario in cui il soggetto non era stato trovato in casa e quello dichiarato dal personale della farmacia, che effettivamente aveva misurato la pressione all’uomo, il sospetto che quest’ultimo avesse mentito per giustificare la sua assenza dall’abitazione si è trasformato in certezza. Il soggetto si era sì presentato presso la farmacia per farsi misurare la pressione, ma solo successivamente al contatto telefonico avuto con i militari. L’uomo, infatti, sicuramente fuori da casa per altri motivi, al fine di costituirsi un alibi che ne giustificasse l’assenza, si era precipitato in farmacia chiedendo di farsi misurare la pressione e alla domanda di una delle dottoresse sul perché fosse agitato aveva risposto candidamente che aveva ricevuto la telefonata dei carabinieri che lo stavano cercando!!

Accertata quindi la violazione delle prescrizioni impostegli dall’Autorità giudiziaria, il 67enne è stato tratto in arresto per evasione e nella mattinata dovrà affrontare un processo per direttissima.

No comments

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: