Essaouira: tra i colori e i sapori del Marocco

(di Benedetta Baudone) – Porticine azzurre incorniciate di giallo e murales colorati che non smetteresti mai di fotografare. Come non smetteresti mai di percorrere le sue stradine, anche cento volte la stessa per poterla vedere da angolazioni diverse.

Essaouira è una piccola città fortificata affacciata sull’Oceano, non lontana da Marrakech. Rispetto a quest’ultima mi è sembrata meno turistica.

La sua medina è veramente bella, non a caso inserita nella lista dei patrimoni UNESCO. Qui sembra che il tempo si sia fermato, c’è una cura speciale per i colori e i dettagli che la rende unica.
Se ci arrivate da Marrakech e non avete intenzione di noleggiare una macchina, quasi tutti i Riad organizzano escursioni giornaliere in minivan per Essaouira, ad un prezzo di circa 20 euro a persona. In alternativa si può raggiungere in bus o con l’auto, in circa tre ore. Se scegliete la prima opzione è molto probabile che a metà strada vi facciano fermare per fare le foto alle caprette che si arrampicano sugli alberi di Argan per mangiarne i frutti.

Essaouira si può tranquillamente visitare in una giornata, ma per i meno amanti dei viaggi frenetici conviene fermarsi un po’ di più, anche solo una notte.

Da assaggiare:
Essaouira è una città portuale e non può mancare un pranzo a base di pesce!
Potete trovare numerose bancarelle intorno al porto dove vi faranno scegliere tra il pescato del giorno, quello che preferite mangiare.