“Arte Città Apuana”, a Palazzo Ducale il vernissage

0

MASSA – Mentre Massa stava preparando l’abito bianco per l’evento “Un’estate da vivere” in procinto di riempire le strade e i locali del centro storico, al Palazzo Ducale ha avuto luogo il vernissage della Collettiva d’Arte contemporanea “Arte Città Apuana”, a cura di Lodovico Gierut e Clara Mallegni.

Aperta dal 16 luglio fino al 30 luglio 2017 dalle ore 17.30 alle ore 21.00, patrocinata dalla Regione Toscana, dalla Provincia di Massa Carrara e dal Comune di Massa, la mostra raccoglie le opere di 23 artisti italiani e stranieri (pittori e scultori) padroni di differenti tecniche espressive.

Nelle storiche sale dell’imponente palazzo su Piazza Aranci, trovano spazio opere di Stefano Acconci, Claudio Amadei, Tatiana Angelotti, Aurelia Adriana Badea, Raffaele Baldini, Lia Battaglia, Luciana Bertaccini, Giovanna Bertolozzi, Alberto Branchetti, Nadia Cenderello, Martina Gentili, Amedeo Giovanni Giusti, Imad El Rayes, Oksana Kuplovska, Clara Mallegni, Benito Manfredi, Ombretta Marchi, Achille Pardini, Luciani Pieri, Alessandra Puntoni, Luca Seccanti, Mariella Tissone, Marie-Laure Van Hissenhoven.

A fare gli onori di casa, oltre ai curatori della mostra, il Presidente della Provincia Gianni Lorenzetti e la Consigliere Comunale di Massa Rosanna Liggio, alla presenza di una folta platea che è stata anche dilettata da intermezzi recitativi e musicali.

Clara Mallegni, artista a tutto tondo ma principalmente scultrice e collagista, ha espresso la sua soddisfazione per le mostre d’arte collettive perché, ha affermato, “le ritengo utili per via dell’aggregazione e del confronto, sia per chi ne è protagonista e attore, sia per chi le visita. Piacciono anche agli artisti che possono così, esprimendosi ognuno con la propria tecnica e stile, condividere l’amore per l’Arte”.

Lodovico Gierut, critico d’arte, scrittore e giornalista, è autore di molte pubblicazioni ed è particolarmente attivo sul territorio nell’organizzare eventi e conferenze.

 

 

 

 

 

Massa

No comments

*