Di Maio in Versiliana, dai migranti ai vaccini: a settembre la canditatura

0

MARINA DI PIETRASANTA – Luigi di Maio, Movimento Cinque Stelle, in Versiliana: dai migranti ai vaccini, alla candidatura.

“Dobbiamo salvare i migranti in mare, ma se andiamo a prenderli nelle acque libiche è un traghettamento, non un salvataggio”, ha detto il vicepresidente della Camera: “Chi arriva in Italia non dovrebbe restare. Se non avviene la divisione per quote, bisogna trattenere i venti miliardi dell’Unione europea per fare i rimpatri. Cominciamo a fare accordi bilaterali con i Paesi di provenienza, come ha fatto la Spagna. I rimpatri non si sono fatti, perché ogni rimpatrio erano 38 euro in meno al giorno per le organizzazioni che si occupano dell’accoglienza”.

Quanto alle elezioni politiche ha annunciato che il 24 settembre i cinque stelle presenteranno il candidato premier: “Io – ha aggiunto – finiti i due mandati, torno a casa e faccio la vita di prima. Non è vero che prendo 13 mila euro al mese, potete verificarlo: ne ho restituiti gran parte”

 

In merito ai vaccini, ha aggiunto: “Sono vaccinato e vaccinerei i miei figli. I vaccini sono importanti per la nostra società. Ma quello che è stato fatto è stato portare i vaccini nello scontro politico. Se l’obiettivo era aumentare la copertura vaccinale con questo decreto hanno scelto un sistema sbagliato. Più che obbligare le famiglie si dovevano informare adeguatamente sui benefici dei vaccini e il rischio di non farli”.

No comments

*