Queens’ Cavalcade: parte dalla Versilia l’evento motociclistico turistico-sportivo dell’anno

0

PIETRASANTA  – (di Stefania Bernacchia) Mancano quattro mesi esatti all’evento motociclistico turistico-sportivo dell’anno e già fervono i preparativi per quello che sarà un autentico instant classic del motociclismo moderno, con start in Versilia.

Stiamo parlando della seconda edizione della Queens’ Cavalcade, un evento a respiro internazionale che raccoglie partecipanti provenienti da molte nazioni europee e che ha ottenuto uno strepitoso successo lo scorso ottobre alle Isole Canarie, durante la sua prima edizione.

Nello specifico, si tratta una prova di ‘regolarità classica’ suddivisa in quattro tappe che vuole privilegiare lo spirito di aggregazione e di condivisione dell’evento e dove tutti i partecipanti saranno in condizione di competere alla conquista del Queens’ Trophy. La partecipazione sarà riservata ad un massimo di 100 motocicli, suddivisi in due gruppi: motocicli costruiti fino al 1987 e motocicli mono e bicilindrici costruiti a partire dal 1988.

Daniele Papi, ideatore e anima del progetto, conosce bene il mondo delle regine, come gli appassionati sono soliti chiamare le loro motociclette: toscano doc, classe 1949, è stato infatti Commissario Tecnico e Presidente del Settore Tecnico della Nazionale di Enduro a cavallo degli anni ’70 e ’80 quando, sotto la sua guida, l’Italia vinse il titolo mondiale (1979,1980,1981). Nel 1984 per Yamaha costituì e gestì la partecipazione ufficiale alla Paris-Dakar, per poi proseguire nei primi anni ’90 come Presidente del Settore Tecnico della Federazione Motociclistica Italiana.

Non stupisce quindi se il cuore di questo importante dirigente sportivo ‘viaggia su due ruote’, meglio se accompagnato da buoni amici, paesaggi mozzafiato e un tocco di ars culinaria che non guasta mai.

L’idea della Queens’ Cavalcade è nata quasi per scherzo, direi per una scommessa fatta con alcuni amici, vecchi collaboratori e compagni di avventure ai tempi della Paris-Dakar, racconta Papi. Vivo da anni alle Isole Canarie e da tempo non mi occupavo più di motociclismo, dopo aver dedicato tutta la vita alle due ruote. Sollecitato da amici appunto, ho pensato di organizzare un incontro per sfatare alcuni luoghi comuni da sempre radicati nel mondo del motociclismo, ovvero il fatto che coloro che viaggiano su moto d’epoca non vogliono mescolarsi con coloro che possiedono moto moderne e che chi viaggia su una Harley-Davidson non gradisce partecipare a convegni nei quali vi sono moto di altre marche. L’idea era quella di un evento dedicato alle due ruote che avesse però due anime al suo interno, ovvero quella turistica e quella competitiva.

E’ partito così il mio progetto, prosegue Daniele, che inizialmente sembrava più una sfida, e avrebbe dovuto nascere e compiersi nel giro di una settimana. In realtà la forma di questo evento ha assunto dimensioni inaspettate e l’entusiasmo dei partecipanti mi ha fatto presto capire che la portata della Queens’ andava ben oltre il semplice ‘pronti-partenza-via’. Era nato un gruppo, un’intesa, un’amicizia e uno spirito di aggregazione che solo i veri bikers riescono a creare. E’ stato naturale dunque, in sede di conferenza stampa conclusiva dell’evento, che si parlasse già della seconda edizione, del dove e quando la Queens’ avrebbe potuto vivere nuovamente.

La location scelta per questa tanto attesa seconda edizione è il centro Italia, con le sue colline, l’arte, la cultura millenaria e il buon vino e la griglia di partenza sarà proprio la Versilia.

L’Amministrazione comunale di Pietrasanta ha mostrato fin da subito interesse e massima disponibilità nei confronti del nostro progetto, spiega Papi, e proprio Piazza Duomo sarà una tappa della prima giornata, quando da Lucca ci dirigeremo verso le Cave di Marmo dell’ Henraux. Vi torneremo poi per cena, offerta da uno dei nostri sponsor, che avrà luogo in una delle più suggestive location del centro storico.

Se è vero che il cuore di un motociclista non si misura in pulsazioni, ma in numero di giri, siamo sicuri che quello dei partecipanti della QC 2017 batterà davvero forte !

Di seguito il tragitto che i bikers avranno il piacere di percorrere nella Queens’ Cavalcade 2017. Le iscrizioni sono aperte fino al 30 luglio 2017.

La gara partirà dalla Versilia, più precisamente da Lido di Camaiore, per poi raggiungere Pisa (Piazza dei Miracoli), Lucca (attraverso le sue mura), Pietrasanta (Piazza Duomo) e infine dirigersi verso le Cave di Marmo dell’Henraux. La seconda tappa attraverserà le montagne passando prima da Castelnuovo Garfagnana fino al Passo delle Radici, per poi incontrare Fiumalbo, Pieve Pelago e Abetone. Sempre seguendo l’Appenino Tosco-Emiliano con una sosta al Santuario delle Bocche di Rio, la Cavalcade  scenderà verso la Vallata del Mugello attraverso il Passo della Raticosa, fino ad arrivare all’Autodromo Internazionale del Mugello. I partecipanti potrannoguardare Firenze dall’alto, da Fiesole prima e dal Piazzale Michelangelo dopo, per proseguire poi verso sud, Monteriggioni, San Gimignano, Siena, Montepulciano e costeggiando il Lago Trasimeno arrivare a Perugia. L’ultima tappa vedrà la Queens’ visitare Orvieto, e attraverso l’antico tracciato della Cassia arrivare fino all’Autodromo di Vallelunga dove la prova di media in pista rappresenterà l’ultima occasione per conquistare il Queen’s Trophy. Da Vallelunga i partecipanti raggiungeranno Roma e qui, dopo oltre 800 km di percorso, si concluderà la Queens’ Cavalcade con l’incoronazione del nuovo King per il 2017. I riders potranno trattenersi domenica 24 per visitare Roma insieme al gruppo.

CINQUE GIORNI DI VIAGGIO, UN PERCORSO LUNGO OLTRE 800 KM CHE PARTIRA’ IL 19 SETTEMBRE DALLA VERSILIA E SI CONCLUDERA’ IL 24 SETTEMBRE A ROMA, DOPO AVER TOCCATO GRAN PARTE DELLA TOSCANA, L’EMILIA ROMAGNA, L’UMBRIA E IL LAZIO.

 

Per info e contatti:

www.queenscavalcade.com

info@queenscavalcade.com

Telefono: +34 922 748 769

fb: QUEENS’ CAVALCADE

Instagram: queenscavalcade

 

Di seguito la video-intervista al dirigente sportivo e ideatore della Queens’ Cavalcade Daniele Papi:

 

 

No comments

*