VerdeMura, tutto pronto: presentato il programma

0

LUCCA – Nata come versione “leggera” (come la primavera al suo debutto) della “sorella grande” Murabilia che si svolge in settembre in un altro settore delle cinquecentesche mura di Lucca, VerdeMura è cresciuta negli anni e nel 2016 ha quasi eguagliato per numero di visitatori la manifestazione di fine estate. Rimane un po’ più basso il numero di espositori, ma solo perché tra Piattaforma San Frediano e Baluardo San Martino, con relativi sotterranei, non ci starebbe un solo banco in più.

Che VerdeMura con la sua promessa di piante, fiori, orti e giardini abbia dei numeri, è innegabile e le cifre sono eloquenti.

10 anni con questa edizione. Due lustri in costante crescita di gradimento da parte dei giardinieri amatoriali di tutta Italia che si danno appuntamento a Lucca per l’occasione.

1.000 visitatori circa sono giunti a VerdeMura lo scorso anno.

212 espositori nel 2017. Per mancanza di spazio non ne sono stati ammessi ben 90. Le associazioni sono 14, mentre sono 6 le scuole che partecipano per promuoversi e collaborare. 5 gli espositori esteri, provenienti da Francia, Germania e Slovenia.

400 almeno i generi di piante rappresentati negli stand dei vivai e nelle esposizioni tematiche, ma il numero potrebbe essere anche molto superiore. Per esempio, ancora non si sa quante saranno le piante autoctone che i parchi abruzzesi potranno portare in mostra a causa delle abbondantissime nevicate dei mesi scorsi: le loro montagne sono le più ricche di flora in Italia e solo sulla Majella l’elenco floristico conta 2150 specie diverse.

3 piante vedette saranno al centro dell’attenzione: i salici (genere che conta 300 specie), i glicini (circa 50 varietà di diversi colori, almeno 15 varietà quelle in mostra).i bucaneve (20 specie, molte decine di preziose varietà, la prima creata in Inghilterra nel 1703). A queste si aggiungono le camelie della Lucchesia: 60 varietà circa tradizionali esposte come fiori recisi con il loro nome varietale e 2 nuove varietà al loro debutto proprio a VerdeMura.

10 almeno le ore di lavoro dell’équipe di 15 soci dell’Associazione Sesto Lucchese per realizzare nei sotterranei del Baluardo San Martino il tappeto di segatura secondo la tradizione camaiorese.

2297 passi sono necessari per percorrere l’intero circuito di VerdeMura, su circa 1300 metri di fronte espositivo, assumendo come unità di misura il passo latino (gradus), corrispondente a circa 74 centimetri. Passo più o passo meno a seconda della falcata di ognuno, una benefica passeggiata sulle mura che unisce all’esercizio fisico il piacere di venire in contatto con un’infinità di piante e la soddisfazione di tante curiosità in merito alla cultura del giardinaggio.

31 marzo ore 12 è l’ora dell’appuntamento per l’apertura. VerdeMura proseguirà poi sino alle ore 19,00 di domenica 2 aprile.

Orari: venerdì 31 marzo: ore 12-19; sabato 1 aprile e domenica 2 aprile: ore 9.30-19;

Ingresso: Intero € 6,00; ridotto € 3,00 over 65, minori tra 8 e 14 anni e diversamente abile con accompagnatore, Carta verde 2017 della rivista Vita in Campagna; gratuito minori di 8 anni.

Abbonamento per 2 giorni € 10,00; abbonamento per 3 giorni € 16,00; acquisto cumulativo di 20 ingressi

€ 120,00 + due biglietti omaggio.

I cani possono entrare se accompagnati al guinzaglio.

La vendita biglietti termina un’ora prima della chiusura.

Trasporto piante: servizio gratuito di noleggio carriole e, in piazza Santa Maria, area di deposito-consegna piante a cui accedere con l’automobile.

No comments

*

Club Negroni, 10 anni con voi

VIAREGGIO – Se la serata di giugno è stata un successo al di là delle aspettative adesso c’è forte attesa per la grande festa 2.0 ...