“Fame e pazzia per vincere le sfide”: il Sottosegretario del Mibact Cesaro apre LuBeC 2016

LUCCA – Non poteva esserci inizio migliore per la XII edizione di LuBeC, che ha ufficialmente preso il via questa mattina al Real Collegio di Lucca. L’innovazione è uno dei temi centrali della rassegna dedicata ai Beni Culturali e, non a caso, il primo evento è stato il taglio del nastro della III edizione di Creathon, maratona di creatività, della durata di 24 ore, che si svolge proprio nell’ambito di LuBeC. A dare il via alla sfida tra i team di creativi, che entro domani dovranno sviluppare un’idea digitale per la cultura è stato Antimo Cesaro, Sottosegretario del MiBACT.  “L’Italia ha bisogno di persone come voi – ha detto Cesaro rivolgendosi ai “maratoneti” – che vadano ad esplorare sentieri nuovi e che consegnino il nostro Paese alle sfide dell’Innovazione”. “C’è bisogno – ha continuato – anche di persone affamate, come disse Steve Jobs. Io vengo da una regione in cui i morsi della fame si sentono, un po’ di pazzia c’è… mettiamo le cose insieme e vinciamo la sfida della competitività globale.

Cesaro è intervenuto anche nella sessione plenaria di apertura di LuBeC – rassegna realizzata proprio in collaborazione con il MiBACT – parlando del tema di questa edizione: “Qualcosa è cambiato”. Ed è cambiato – ha spiegato il Sottosegretario – a cominciare da un nuovo approccio da parte delle Istituzioni e dagli addetti ai lavori nel settore dei Beni Culturali: non possiamo più indulgere sulla retorica politica, al contrario si deve limitare la discussione accademica e necessariamente dare spazio alle concretezza, sostenendo i nostri giovani talenti e le loro idee. “Abbiamo la fortuna di essere nati in Italia. Non è un merito, ma una fortuna”, ha puntualizzato Cesaro. Da qui deve nascere la consapevolezza di essere eredi di un grande passato, certo, ma anche di un grande futuro, del quale dobbiamo prenderci cura. Proprio sull’importanza dell’eredità culturale è tornato anche Lorenzo Casini, Consigliere giuridico del MiBACT e Professore Ordinario all’IMT di Lucca.

Una tale consapevolezza deve nascere fin dalla più tenera età, grazie a interventi ad hoc nel sistema educativo, ma deve anche essere risvegliata negli adulti. Proprio a un nuovo coinvolgimento dei più giovani e delle famiglie mirano le molte iniziative sviluppate dal Ministro Franceschini, come l’ingresso gratuito ai musei nazionali la prima domenica di ogni mese, i cinema a 2 Euro ogni secondo mercoledì e le aperture straordinarie per le famiglie.

Lascia un commento