“Favorisca i documenti”, si scaglia contro un agente, lo morde e minaccia il suicidio

0

VIAREGGIO – La Polizia di Stato ha denunciato una coppia di italiani per i reati di rifiuto di generalità, resistenza e  lesioni a Pubblico Ufficiale

Nella mattinata Trenitalia effettuava controlli straordinari antievasione nella stazione ferroviaria di Viareggio.  Alle ore 07,40 circa, durante il filtraggio all’ingresso del secondo marciapiede, veniva richiesto il biglietto ad una coppia di cittadini. I due, un uomo ed una donna di Viareggio,   M.U. di 46 anni e C.S. di 44 anni – riferivano di esserne sprovvisti; incuranti degli inviti dei ferrovieri  si portavano sul marciapiede dei binari 3 / 4 e si accomodavano su una panchina in attesa del treno.-

Interveniva allora una pattuglia della Polizia Ferroviaria. Alla richiesta di fornire un documento di identificazione, ovvero di declinare le generalità, i due rifiutavano categoricamente. A quel punto la necessità di identificare la coppia diventava oltremodo necessaria; venivano pertanto invitati a seguire i poliziotti nell’Ufficio di Polizia, invito che non veniva evaso.-

Non appena i poliziotti si accingevano a far alzare l’uomo, questi si buttava a terra, inizia ad urlare frasi sconsiderate: minacciava di gettarsi sotto un treno e si buttava sul quarto  binario di corsa.

A fatica, e con l’aiuto di alcune persone presenti sul binario, l’uomo veniva riportato sul marciapiede e bloccato; per alcuni minuti, sotto lo sguardo esterrefatto e spaventato dei numerosi viaggiatori, si susseguivano scene surreali, con l’uomo che continuava a cercare di liberarsi con grave pericolo per la propria incolumità. Nei concitati momenti che seguivano sferrava un morso all’avambraccio di uno dei poliziotti, procurandogli lesioni guaribili in 5 giorni.-

Solo all’arrivo di una gazzella dei Carabinieri di Viareggio, intervenuta in ausilio al personale Polfer, l’uomo si calmava e seguiva gli agenti.-

Anche la compagna dell’uomo, che fino ad allora aveva rifiutato di farsi identificare, acconsentiva a seguire gli agenti solo dopo l’arrivo dei Carabinieri.-

Per quanto accaduto M.C. veniva deferito all’Autorità Giudiziaria per i reati di rifiuto di generalità, resistenza e lesioni

Anche la compagna –  C.S. – veniva segnalata per i reati di rifiuto di generalità e resistenza a Pubblico Ufficiale.-

 

 

No comments