Ultime News

Fermati con un chilo di shaboo finiscono in manette: la droga arrivava dalla Cina

0

FIRENZE – La Polizia di Stato ha arrestato a Firenze un cittadino italiano di origini cinesi di 23 anni ed un cinese di 34 anni, ritenuti responsabili di avere introdotto nel territorio nazionale 1 kg di shaboo. L’operazione, condotta dalla Squadra Mobile fiorentina in collaborazione con il Compartimento Polizia Postale e Comunicazioni per la Toscana, ha consentito di rinvenire – in vani ricavati all’interno di riproduzioni di telefoni antichi provenienti dalla Cina un kg di metamfetamina, pericolosissima sostanza stupefacente in cristalli che, quando non la morte, genera elevata dipendenza, oltre a provocare gravissimi danni all’organismo ed al cervello. La sostanza, proveniente dalla Cina, è stata inviata in Italia tramite corriere espresso. Nel caso specifico il pacco è stato individuato come sospetto dagli investigatori impegnati in un’operazione di polizia finalizzata a monitorare le spedizioni di droghe sintetiche dall’Asia ed in particolare dall’estremo Oriente. Individuati i pacchi, resi sospetti dall’insolito e pesante contenuto privo di valore effettivo, si è atteso che fossero ritirati dai destinatari. Intorno alle 19,30 si presentavano i due uomini che venivano bloccati appena effettuato il ritiro. Nel corso della perquisizione presso l’abitazione del 23enne gli investigatori della Sezione Antidroga della Squadra Mobile e della Polizia Postale, oltre ad aver rinvenuto altri 13 grammi di sostanza stupefacente dello stesso tipo, scoprivano un laboratorio per la contraffazione delle carte di credito con oltre 400 carte magnetiche riportanti il logo di diversi istituti di credito e circuiti di pagamento, un macchinario per la punzonatura delle stesse, lo “skimmer” per la creazione di bande magnetiche e altro materiale idoneo alla clonazione dei titoli di pagamento. Gli arrestati, su disposizione della Procura dell repubblica di Firenze, sono attualmente detenuti presso la Casa Circondariale di Sollicciano in attesa della udienza di convalida del provvedimento precautelare.

 

No comments