Festival Puccini, concerto omaggio a Giovanni Pacini

0

VIAREGGIO – Nel cartellone del 63° Festival Puccini e nell’ambito della rassegna “Nel giardino di Paolina” un concerto omagggio a Giovanni Pacini compositore italiano, viareggino di adozione, che lasciò un grande segno nel mondo musicale del suo tempo.

La storia di Giovanni Pacini è intimamente legata a Viareggio, dove si stabilì nel 1822. Egli nel volume autobiografico “Le mie memorie artistiche”, stampato a Firenze nel 1875, ha scritto: “Nella primavera del 1822 trovandosi a Fiumicino un piccolo bastimento appartenente a S.M. la Duchessa di Lucca, il capitano mi offrì di fare il viaggio con esso. Accettai l’invito e sbarcai a Viareggio ove, piacendomi infinitamente quella nascente città, vi fermai la mia dimora”. Infatti, Pacini fece costruire una casa lungo il canale Burlamacca dove soggiornò fino al 1857, poi si trasferì a Pescia. Questa casa, dove egli compose le sue più importanti opere, fra le quali la “Saffo”, fu risparmiata dai violenti bombardamenti che subì la città durante l’ultima guerra, ma scomparve sotto i colpi del piccone demolitore per scarsa sensibilità storico-artistica, e al suo posto fu edificato un anonimo “grattacielo”.
 
Pacini, nelle sue “memorie”, non fa cenno al fatto che a Viareggio in quell’anno anche Paolina Bonaparte si fece costruire una villa, ma la presenza della bella principessa Borghese, che conobbe un anno prima e alla quale fu molto legato sentimentalmente, ebbe un ruolo determinante. Pacini, comunque quanto questo legame si sciolse e anche dopo la morte di Paolina, avvenuta nel 1825, restò lo stesso a Viareggio e molto si adoperò per la città. Infatti nel 1834 istituì a Viareggio il Liceo musicale che intitolò a Carlo Lodovico. Il Liceo, frequentatissimo da giovani di tutta la Lucchesia ed anche da “stranieri”, per volontà dello stesso Duca, tre anni dopo fu trasferito a Lucca, poiché “una tale istituzione avrebbe recato un lustro” alla città. La scuola successivamente prese il nome di Giovanni Pacini, poi fu intitolata al musicista lucchese Luigi Boccherini. A lui e alle sue opere – oltre 90 composizioni- sarà dedicato la prima parte del concerto in programma martedì 4 luglio (ore 21.00) a Villa Paolina nell’ambito della Rassegna”nel giardino di Paolina” promossa dall’Amministrazione Comunale di Viareggion in collaborazione con l’Associazione Amici del Festival Pucciniano e che segnerà l’avvio del Progetto Pacini, che proseguirà nei prossima anni all’interno delle attività della Fondazione Festival Pucciniano.
 
prima parte
 
 
 
L’ultimo giorno di Pompei – Ouverture – Pianoforte Francesco Barbagelata
 
Lu Labbru – Caterina Rufo
 
IL CONVITATO DI PIETRA ( prima: Viareggio carnevale 1832 )
 
La Gran bestia è il mio padrone – Ficcanaso ( basso)Davide Mura
 
Care sponde, che pietose – Donna Anna ( contralto) Donatella De Caro
 
Sento brillarmi il cor – Zerlina ( soprano)Elisabetta Zizzo
 
Scendea la notte- dall’opera Buondelmonte Alberto Petricca
 
seconda parte
 
Al dolce guidami da Anna Bolena di G. Donizetti Anna Paola Troiano
 
Una furtiva lagrima da Elisir d’amore di G. Donizetti Alberto Petricca
 
Vi ravviso…da La sonnambula di V. Bellini Davide Mura
 
Regnava nel silenzio da Lucia di Lammermour di G. Donizetti Anna Paola Troiano
 
Casta diva da Norma di V. Bellini Caterina Rufo
 
al pianoforte Francesco Barbagelata

No comments

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: