Flash mob dei bagnini sul pontile: ”paghe da fame”

MARINA DI MASSA – “Paghe da fame, assenza del giorno libero e dei turni di riposo, contratti in nero e grigio, demansionamento!
Gli stagionali del turismo balneare fanno quadrato e presentano le loro richieste in due flash mob che si terranno in tutta Italia.
Il primo scopo della protesta? Porre fine alla frammentarietà contrattuale del settore tramite l’applicazione del contratto nazionale.

Questa mattina anche in versilia, I bagnini hanno dato vita ad un flash mob per protestare contro i” salari ridicoli” e le condizioni di lavoro praticate negli stabilimenti balneari del litorale apuano. L’iniziativa, promossa dal sindacato Usb, si è tenuta sul pontile dove per circa un’ora sono stati esposti striscioni e consegnati volantini ai passanti.
«Protestiamo – spiega Elia Buffa di Usb – per le gravi condizioni di lavoro in cui operiamo, diventate insostenibili, con un netto peggioramento delle possibilità di guadagno con compensi da fame».

Stasera giovedì 1 agosto, alle ore 21.30 altro flash mob, per gli stessi motivi e promosso sempre dal sindacato Usb per portare all’attenzione la situazione di questa categoria di stagionali, a Rimini, in piazza Kennedy.