Forza Italia (Dipartimenti della Toscana): “Troppe morti nei luoghi di lavoro, 5 in un mese”

“Luana aveva 23 anni. Da un anno lavorava in un’azienda tessile a Montemurlo (Po) ed è morta ieri, stritolata in un macchinario ed a nulla è valso il tentativo di colleghi per salvarla. Ma come è possibile morire mentre si lavora di fronte a un macchinario? Ci sarà un’inchiesta, sicuramente, che appurerà il tutto come giusto, ma ancora oggi si muore sul lavoro ed i dati sono sconfortanti: 5 morti al mese. Troppi.
La morte di Luana è un grande dolore per tutti noi, che ci stringiamo attorno alla sua famiglia, ed un sentito abbraccio vogliamo darlo al figlio piccolo figlio che lascia. Di fronte a queste tragedie non ci sono parole sufficienti a placare lo sgomento e la rabbia. Il sentimento in tutti noi è di un grande senso di ingiustizia, un dolore immenso per simili eventi, che ancora oggi esistono. Il lavoro è dignità, realizzazione di sé, ed è quello strumento necessario a costruire per tutti il proprio futuro, non quello per morire. Servono maggiori attenzioni e formazione, sorveglianza ai macchinari ritenuti pericolosi, perché le morti bianche” debbono cessare, sono davvero inaccettabili.”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: