Furto con spaccata al food truck appena aperto: “Impossibile lavorare con la paura”

PISA – Un’avventura imprenditoriale partita da poco, che purtroppo ha già dovuto fare i conti con i ladri. Ieri mattina, 9 marzo, Simone Zeverini ha trovato il finestrino del suo food truck spaccato, con i malviventi che hanno forzato la portiera per entrare, fortunatamente senza successo. Il mezzo era in sosta nel parcheggio del campo sportivo in via dell’Arginone a Putignano. “Il bottino – racconta – è di due casse di birra ed una bottiglia di olio dei Monti Pisani che usiamo per cucinare. Il problema è il danno, di diverse centinaia di euro. Queste spese non ci aiutano proprio”.

Simone e la sua compagna Elisa Barachini hanno da alcuni mesi aperto ‘Gao-Pisa da mordere’, furgone per street food di prodotti pisani. Li abbiamo conosciuti lo scorso febbraio, quando ci hanno raccontato la loro storia. Come si sono conosciuti, come è nata l’idea di provare a mettersi in proprio. La prima risposta dei clienti è stata buona, ora però devono affrontare il momento di difficoltà: “Hai sempre la paura che possano capitare furti o danni, è impossibile lavorare così, non si è sicuri nemmeno nella propria città”.

“Ci stavamo preparando per partecipare al PisaCon – prosegue Simone – per fortuna non è successo in un altro momento, magari dopo una serata con nel furgone l’incasso. In quel caso sarebbe stato davvero grave”. Non c’è tempo per le riparazioni: “Oggi siamo a lavorare alla Leopolda con il finestrino spaccato e la serratura forzata – conclude – non è bellissimo, ma si va avanti. Volevo comunque denunciare cosa purtroppo continua a succedere in città”.