Il giornalaio che non c’è più, disagi al Marco Polo

VIAREGGIO – Al Marco Polo e più precisamente nella zona dell’ex Tribunale, da oltre sei mesi, ha chiuso la cartoleria storica del quartiere della quale i residenti ma anche chi ci lavora e ci opera si servivano sin dagli inizi degli anni 70.
Adesso, il negozio dal quale è passata tanta vita del “Quartiere dei Fiori” è lì, chiuso, abbandonato, degradato, che fa brutta mostra di sè con dispiacere per tante famiglie che vivono da queste parti, da tanti anni. I gestori della bottega – negli anni diventati amici – che si sono susseguiti, non ci sono più, ed anche l’ultimo, il mitico “Jimmy”, se ne è andato. Adesso, chi vuole acquistare il giornale è costretto ad attraversare l’Aurelia, a superare il Cimitero e ad andare all’incrocio con la via Fratti, fino sull’angolo, non certamente vicino, specialmente per i più anziani.
Sono in molti a lamentarsi, anche perchè la zona ha tante abitazioni ed è fortemente popolata ed altrettanto frequentata anche da chi viene da altre zone della città perchè al posto degli Uffici Giudiziari ci sono quelli comunali dei Vigili Urbani e di “I Care”, ci sono tanti studi professionali, ed ancora, poco più in là, “alla Finedil”, ci sono le Poste e parecchie attività commerciali e di altra natura. Il quartiere ha altri esercizi che magari potrebbero svolgere il servizio ma, per una ragione o per l’altra, almeno fino ad oggi, nessuno di loro ha potuto prendere la licenza e chi vuole comprare il giornale continua ad essere costretto ad un lungo tragitto, magari a piedi.
Mi auguro che, dice l’avvocato Massimiliano Baldini, nell’interesse della numerosa comunità che frequenta questi luoghi, si possa tornare, quanto prima, a potersi avvalere della cartoleria ed a poter acquistare il giornale vicino a casa che, per quella parte di popolazione poco avvezza ad utilizzare gli strumenti telematici odierni, rappresenta ancora la principale fonte di informazione dei fatti locali e della propria città.

Lascia un commento